Saint Gobain corre a Parigi

Le Borse mondiali hanno tentato di indirizzare al rialzo gli indici borsistici, ma con alterne fortune. A New York un freno alla ripresa è venuto da General Motors, ieri ancora in calo del 3%; bene invece Google che ha superato la soglia dei 400 dollari, con un rialzo del 375% dall’inizio della quotazione nell’agosto 2004. In evidenza alcuni «tecnologici», come Brocade (più 5,5%), Yahoo! (più 2,1%) e Qualcomm (più 1,5%). Tutte in positivo le piazze europee, nonostante l’andamento oscillante degli indici. In calo i titoli dell’auto a Parigi, con Renault che perde oltre il 5% e Peugeot il 2%. Scende anche Crédit agricole (meno 2%), mentre prosegue la corsa Saint Gobain (più 3,2%) alla conferma dell’acquisizione dell’inglese Bpb. Minerari ancora in tensione a Londra, dove però recuperano i titoli energetici, con Technip in crescita del 6%, Statoil e British Gas del 4%. A Francoforte Commerzbank guadagna il 3 per cento.