Sala, «ferie» finite Tutti vogliono che torni in ditta

Giunta e avversari lo chiamano al posto Lui prende tempo per «vedere le carte»

Il sindaco si è messo in stand by dopo l'iscrizione nel registro degli indagati per l'inchiesta sulla Piastra di Expo. Ieri mattina ha visto gli avvocati, ha passato il sabato a casa tra sms, telefonate, la visita della vice Scavuzzo a cui ha passato temporaneamente le deleghe, è uscito nel pomeriggio per fare la spesa. «Rientrerà entro pochi giorni» continuano a ripetere gli assessori. «Se ha la coscienza pulita torni a lavorare, io non chiedo dimissioni» è il messaggio del leghista Salvini. E anche il Comitato per la legalità presieduto dall'ex pm Gherardo Colombo lo invita a rientrare a Palazzo. Ma Sala vuol vedere le carte per decidere, ma accelera. Già domani il legale andrà in Procura per chiarire il quadro.