Sala: «Fermerò Quagliarella»

Forse in pochi, qualche mese fa, avrebbero scommesso su Luigi Sala per fermare Fabio Quagliarella. Fantacalcio, quando in estate l'attaccante, ora dell'Udinese, sembrava destinato a rimanere alla Sampdoria anche dopo l'apertura delle buste. Fantacalcio anche perché il difensore blucerchiato era rimasto ai margini nelle due stagioni passate con Walter Novellino. Adesso invece non solo ha la piena fiducia di Mazzarri ma è l'unico giocatore a non aver mai perso nemmeno un minuto dall'inizio del campionato. È infatti stato sostituito solo una volta, ma in pieno recupero, contro il Torino.
E domenica dovrà essere proprio Sala a fermare Quagliarella, giocatore più in forma in un' Udinese rimaneggiata: «Fabio è un giocatore di estrema qualità - racconta il difensore - se mi chiedete come si fa a fermarlo, vi dico che funziona con lui come con tutti i grandi attaccanti. Devi stare attentissimo e sperare che non sia in giornata sì, Fabio non ha punti deboli, è bravo da fuori area, è veloce, colpisce bene di testa pur non essendo un gigante. È una punta completa». Ma anche i difensori dell'Udinese troveranno un Bellucci in grande forma: «Appunto, ci siamo anche noi e siamo fortissimi davanti. Penso che si parta ad armi pari, poi dovremo essere bravi a giocarcela fino alla fine». Intanto per Sala si parla di rinnovo del contratto; il difensore infatti va in scadenza a giugno dopo tre stagioni trascorse in blucerchiato: «È l'ultimo anno di contratto, ma non ho ancora parlato con la società. Da parte mia ci sarebbe la voglia di rimanere, però come sempre in queste cose bisogna essere in due. Vedremo, per ora intanto penso domenica per domenica e voglio far bene per dare qualcosa di importante a società e tifosi».
Si vedrà ma a questo punto non è affatto escluso che per Sala possa arrivare un rinnovo di uno o due anni fino a chiudere a Genova la sua carriera.
Udine, poi Fiorentina, Roma, Palermo e Juventus, per la Sampdoria fino al girone di ritorno sarà un ciclo di ferro: «Ci attende un ciclo di quelli importanti. Lo affronteremo consapevoli di andare in campo ogni domenica con davanti le squadre migliori dell'intero campionato. Penso che non esista stimolo migliore per far bene. L'obiettivo è non ripetere gli errori del passato, cercando di racimolare qualche punto in più specialmente in trasferta». A cominciare da Udine: «Partita difficile, difficilissima. Loro sono forti e davanti hanno elementi veloci, abili tecnicamente. Dovremo fare una grossa gara e soffrire tutti insieme, perché sicuramente ci sarà da soffrire».
Intanto parte oggi la vendita dei tagliandi per il settore ospiti dello stadio «Friuli» dalle ore 10 di questa mattina e fino a sabato alle ore 19 al prezzo di euro 15.00 più diritti di prevendita.