Sala ha già rottamato Pisapia

Consegna della fascia: «Adesso però non facciamo come i due Papi»

Alle ore 16.30 l'ufficio elettorale presso il tribunale ha proclamato sindaco di Milano «il signor Giuseppe Sala detto Beppe» Un'ora dopo, nella Sala dell'Orologio di Palazzo Marino, il passaggio di consegne delle chiavi della cassa e della fascia tricolore da parte di Giuliano Pisapia e poi la festa con gli elettori (finalmente) in Darsena. Primo giorno ufficialmente da sindaco ieri per Beppe Sala. Stretta di mano. «Sono molto onorato e orgoglioso di passare il testimone a Sala» le parole di Pisapia. Il manager tira fuori la vena pragmatica, «sono molto emozionato ma è meglio che passi in fretta perchè c'è molto da fare. Buon riposo, poi tu sei padrone del tuo destino, la tua figura ha segnato in maniera significativa la storia di Milano» dice Sala al sindaco. Volemose bene. Ma più tardi in Darsena precisa: «Gli ho detto che non dobbiamo fare come i due Papi:adesso ce n'è uno e io sono un pò abituato a decidere». Ed è gà partito il risiko delle poltrone.