Sale Autogrill, Azimut al top

Piazza Affari ha chiuso in rialzo, in linea con l’andamento delle altre Borse europee, dimostrando però un maggior dinamismo, che ha portato a una crescita anche il volume degli affari, fissato a 3,7 miliardi. Il progresso medio degli indici Mib è stato dello 0,8%, superiore a quello degli indici Comit e Mediobanca, dello 0,5%. Due le novità che hanno stimolato il listino: la nuova corsa di Fiat, che guadagna il 2,6% ai rumors di un possibile ingresso di nuovi soci nella compagine azionaria, con la conseguenza di far impennare del 3-4% anche le holding Ifi priv. e Ifil. Il maggior volume di scambi si è però concentrato nel settore bancario, dopo gli obiettivi annunciati da Banca Intesa, che hanno portato la quotazione del titolo in rialzo del 4,5%. Di nuovo in tensione le «popolari», per le possibili svolte che potrebbero essere sancite in sede europea per quanto riguarda il voto capitario. Tra i titoli del risiko realizzate Unipol (meno 1,5%). Da rilevare il risveglio di Autogrill, in crescita del 3,8%, con scambi pari all’1,4% del capitale, ma l’interesse del mercato si è di nuovo rivolto a Marzotto che cresce ancora del 10%; impennata di Azimut a 5,52 euro ai massimi dal collocamento in Borsa avvenuto la scorsa estate.