Sale il costo dell’oro? Aumentano gli scippi

ALLARME SICUREZZA Boom dei furti. Il fenomeno delle collane strappate a Milano era
scomparso. Ora con la supervalutazione del metallo è tornato d’attualità

Tra luglio e agosto il prezzo dell’oro è cresciuto per sette settimane consecutive. E secondo gli esperti del settore - complice la crisi economica che ne conferma lo status di «bene -rifugio» per eccellenza - la scalata del metallo prezioso, che ha ormai superato abbondantemente i 40 euro al grammo, non è finita qui. Figuriamoci se la cosa poteva sfuggire agli scippatori. Consci del periodo di magra e maestri nel reinventarsi, i malviventi sono tornati di corsa a una «pratica» ormai considerata datata e decisamente poco redditizia: lo strappo delle collanina. Un reato che negli ultimi anni era quasi scomparso dal panorama della microcriminalità di strada perché comportava grossi rischi e bassissimi guadagni. E che, invece, soprattutto a Milano e negli ultimi mesi, è ripreso alla grande. Al punto che gli investigatori hanno intensificato i controlli nei negozi dei compra oro per verificare se sono stati acquistati oggetti rubati e per scoprire i ricettatori.
Ancora nel mirino, come vittime d’elezione, le persone anziane. Aggredite alle spalle da sconosciuti che non esitano a trascinarle a terra, e quindi a ferirle anche gravemente, pur d’impossessarsi dei loro monili. È accaduto l’8 settembre (tanto per fare un esempio) a una donna di 74 anni in via Feltre, a Lambrate: il malvivente ha sorpreso l’anziana alle spalle, afferrando due catenine che indossava e assestandole un forte strattone. Stessa dinamica lunedì sera nella rapina di un’italiana di 80 anni, scippata della collanina in via Villa Mirabello (zona Zara) dove una decina di giorni fa era stata trovata in gravi condizioni un’altra anziana, morta poche ore dopo all’ospedale in seguito a un probabile scippo. L’80enne è stata aggredita mentre posava le buste della spesa per aprire il portone di casa. Lo scippatore, che anche in questo caso l’ha sorpresa alle spalle, è riuscito a scappare con la collanina.
Di storie come queste sono pieni i giornali e i mattinali che raccolgono le relazioni con gli interventi di polizia e carabinieri. Proprio i militari del radiomobile, sempre lunedì, hanno arrestato un egiziano di 23 anni, clandestino e pregiudicato che, alle 19, aveva aggredito una 73enne che rincasava con le borse della spesa in via dei Gracchi (zona piazza Piemonte). L'uomo l’ha buttata a terra e le strappato una catenina d'oro, un orecchino e il cellulare che portava appeso al collo. La signora ha cominciato a urlare, attirando l'attenzione di alcuni passanti e di una pattuglia dei carabinieri che stava transitando lungo la via. Uno dei militari ha prestato soccorso alla donna (ne avrà per 5 giorni per la caduta), l’altro ha inseguito di corsa il malvivente, riuscendo ad arrestarlo.
«Impossibile fare statistiche al momento - spiegano gli investigatori della polizia -. Gli scippi di collanine rientrano nella categoria dei furti con strappo, vere e proprie rapine che comprendono una vasta serie di reati come la rapina delle borse o degli orologi da polso. Tuttavia è innegabile che lo strappo delle collanine abbia toccato dei picchi notevoli in questi ultimi tre mesi, con almeno uno-due casi al giorno».