Sale il greggio, si ferma la corsa dell’oro

La settimana si chiude con un nuovo miglioramento delle quotazioni del greggio. La spinta è stata assicurata dal riaccendersi delle tensioni geopolitiche, dopo la cattura dei marinai britannici in Iran. Così il future del Wti ha toccato i 62,65 dollari Il barile. Si tratta del massimo del 2007. L’oro è invece sceso a 656,25 dollari l’oncia a causa dell’inattesa ripresa delle compravendite di abitazioni negli Usa. Tra i metalli di base, i prezzi a tre mesi del rame hanno raggiunto 6.700 dollari per tonnellata grazie alla continua contrazione delle giacenze.