Sale l’utile del 31% e Bnl taglia i costi

L’utile netto di Bnp Paribas, la più grande banca quotata in Francia, nel secondo trimestre è balzato del 31% a 2,1 miliardi di euro, ben sopra gli 1,7 miliardi attesi dagli analisti. Il balzo è stato possibile grazie ai bassi accantonamenti e a una solida attività di retail banking. La controllata italiana Bnl ha invece archiviato il secondo trimestre con un margine di intermediazione a 755 milioni di euro, in crescita dell’1,9% rispetto allo stesso periodo del 2009. I costi operativi mostrano una flessione dell’1,4%, mentre sale il costo del rischio rispetto al secondo trimestre del 2009, a causa soprattutto dell’aumento della rischiosità dei finanziamenti collegati al settore delle piccole medie imprese.