Sale Luxottica e crolla Safilo

Piazza Affari chiude la seduta in rialzo ma, dopo aver toccato un massimo del 3% in prossimità del voto alla Camera sul rendiconto finanziario, perde tono sul finale di seduta. Il Ftse Mib ha ceduto lo 0,74% e il Ftse All share lo 0,57%. A guidare i rialzi Intesa Sanpaolo (+3,54%). Salgono Unicredit (2,08%), in attesa del piano triennale lunedì prossimo, Mps (+1,24%) e Ubi Banca (+0,53%). I conti in crescita premiano Enel Green Power (+1,14%). Bene Tod’s (+2,45%) e Luxottica (+2,19%), in luce anche Pirelli (+1,41%).
Acquistate Saipem (+1,96%), il cui target price è stato alzato a 44 euro da Goldman Sachs, ed Eni (+1,08%), con il petrolio vicino ai massimi degli ultimi tre mesi a New York. Corrono Acea (+4,27%), nonostante i conti in calo nei nove mesi, mentre è crollata Safilo (-7,73%). Ad appesantire il listino Mediaset (-2,94%) e Mediolanum (-1,61%). Giù anche Italcementi, seguita da Lottomatica (-2,48%), Fonsai (-2,41%) e Atlantia (-1,89%). vendute anche Fiat (-0,94%) e Bpm (-0,90%). Positive le europee. Londra ha guadagnato l’1,03%, Francoforte lo 0,55% e Parigi l’1,28%.