Sale il rame, petrolio sotto tiro

Tornano a salire le quotazioni del rame che a Londra, nelle contrattazioni del dopo Borsa, hanno visto i prezzi a tre mesi risalire sopra quota 4mila dollari per tonnellata. Lo scenario rialzista resta convalidato dalla robusta crescita della domanda cinese. Sotto tiro il greggio con il future Wti scivolato ai minimi trimestrali, sotto quota 58 dollari il barile. Le vendite hanno trovato ulteriori spunti dalle previsioni al ribasso sulla domanda mondiale di petrolio. Oro in ripresa a 467 dollari l’oncia.