Salesiani in festa a Expo per il Don Bosco Day

Una giornata di "di riflessione, festa e dibattiti" per il bicentenario della nascita del fondatore delle congregazioni. Un padiglione che ha per tema "Educare i giovani, Energia per la vita"

Don Bosco Day a Expo Milano 2015 per il bicentenario della nascita del fondatore delle congregazioni dei Salesiani. Una giornata di "di riflessione, festa e dibattiti" sottolineata dalle parole dell’inno suonato dalla Banda Juvenil Salesiana de Poiares del Portogallo.

L’ordine dei Salesiani è presente all’Esposizione Universale con il Padiglione Casa Don Bosco, che reinterpreta il tema dell’evento con il motto Educare i giovani, Energia per la vita. Casa Don Bosco è l'unico padiglione di Expo che porta il nome di un santo e il solo che fa riferimento ad una famiglia religiosa.

A dare il benvenuto alla grande famiglia di Don Bosco, il commissario generale di Expo Milano 2015, Bruno Antonio Pasquino, che ha sottolineato l’importanza della presenza dei Salesiani all’Esposizione Universale. Don Angel Fernandez Artime, rettore maggiore dei Salesiani, ha ricordato come fu proprio Don Bosco ad andare per primo all’Esposizione Universale di Torino del 1844: “Questo per noi non è un giorno per il trionfalismo, ma un’occasione per dire a tutti che crediamo ancora nel mondo di oggi e nei giovani di tutti i paesi, perché il nostro presente e il nostro futuro sono pieni di speranza”.

Il caporedattore di Avvenire, Luciano Moia, ha intervistato sul palco la superiora generale delle Figlie di Maria Ausiliatrice Yvonne Reungoat che ha parlato della formazione delle giovani donne, insieme alla coordinatrice mondiale dei Salesiani Cooperatori, Noemi Bertola che ha affrontato il tema dell’impegno laicale al fianco dei movimenti religiosi dei Salesiani. Al termine della cerimonia, la giornata è proseguita con un corteo sul Decumano e con una festa al Padiglione Casa Don Bosco, animata da danze dell’Asia e dai Barabba’s Clown.