Salgono oro e metalli di base

Il mese di agosto inizia al galoppo, con l’indice generale delle materie prime Crb a 315 punti. Siamo appena il 6% sotto i massimi storici assoluti del 1980. Sulla scia della morte del sovrano saudita, il future del petrolio Wti ha rivalicato quota 61 dollari al barile. Il calo della valuta Usa ha poi favorito il comparto dei metalli. L’oro, segnando il fixing a 431,65 dollari l’oncia, ha toccato il massimo delle 4 settimane. Tra i metalli di base, il rame ha confermato una chiusura record sui 3.525 dollari per tonnellata.