Salgono Tiscali e Fastweb

Bene le tlc tranne Telecom

Piazza Affari chiude in rialzo, con il Mibtel in crescita dell’1,3% e lo S&P/Mib dell’1,12%. Nel giorno della diffusione dei dati macroeconomici Usa sull’attività manifatturiera e sulla fiducia dei consumatori, i listini sono stati influenzati in positivo dall’offerta di Microsoft su Yahoo, che ha favorito a Milano Tiscali (più 5,14%) e Fastweb (più 4,295). Tra gli altri titoli Alitalia (più 1,3%) è salita nonostante la richiesta di danni della Sea, la società che gestisce gli aeroporti milanesi, per il disimpegno su Malpensa. In campo bancario bene Unicredit (più 3,34%), Mediobanca (più 2,22%) ed Mps (più 2,22%), cauta invece Intesa Sanpaolo (più 0,19%) insieme a Italease (più 0,50%). In controtendenza Telecom (meno 0,64%), frenata da ipotesi che vedono l’allontanamento dello scorporo della rete con il conferimento in una nuova società. Salgono le utility con A2A (più 2,23%), Edison (più 1,04%) e Acea (più 0,94%). Più caute Enel (più 0,43%) ed Eni (più 0,79%). Seduta positiva per Bulgari (più 2,27% ) dopo i risultati superiori alle attese, sulla cui scia si sono mosse Tod’s (più 4,06%) e Poltrona Frau (più 2,51%). Svetta Unipol (più 5,94%) grazie ai risultati 2007, tallonata da Prysmian (più 5,84%) che per Citigroup resta da comprare. Le grandi scalate tornano a infiammare i listini europei, che hanno chiuso la settimana in netto rialzo con l’indice di riferimento Stoxx 50 in progresso dell’1,8%. Nelle principali piazza progressi superiori al 2% a Londra (più 2,5%) e Parigi (più 2,2%). Mentre Francoforte si è fermata a un più 1,76%. Bene i telefonici con Vodafone (più 3,4%) e Bt (più 2,12%). Negli Usa il Dow è salito dello 0,5 circa il Nasdaq dello 0,8 circa.