Alla Salumeria Colorado con Abatantuono

Sono passati solo pochi mesi dalla scorsa edizione, ma già ne sentivamo la mancanza. E quest’anno Colorado ha riaperto in grande stile, riappropriandosi per due serate - stasera alle 21 il secondo appuntamento - dell’affascinante cornice originaria: la Salumeria della Musica, storico ritrovo delle performance live degli esordi e glorioso teatro dei primi successi.
Colorado Cafè nasce nel 2002 dall’antico amore Diego Abatantuono per il cabaret: l’idea era quella di ricreare un punto d’incontro per giovani di talento che, guidati da Diego, avessero la possibilità di esprimersi e di sperimentare comicità dal vivo.
Dopo tre anni al Teatro delle Erbe, la simpatica banda di Colorado Cafè - oggi semplicemente Colorado - torna alle origini, recuperando la sua inconfondibile verve e il suo «habitat naturale»: la Salumeria della Musica di via Pasinetti, sede dello spettacolo fin dal novembre 2004.
Squadra che vince non si cambia, al massimo si amplia. E così ieri sera, dopo il successo ottenuto lo scorso anno e uno share da capogiro, a fare gli onori di casa sono saliti sul palco la bellissima Rossella Brescia, Beppe Braida e Giovanni Cacioppo per le «prove generali» dello show, naturalmente aperte al pubblico, e la promessa di dieci appuntamenti successivi, in un mix esplosivo di ironia, musica live e balli sfrenati. Tra i protagonisti della nuova stagione: Fabrizio Casalino, Andrea Ceccon, Maurizio Battista, i Turbolenti...
Lo scopo è sempre lo stesso: riappropriarsi del ruolo del comico, che negli ultimi anni era esplorato solo a livello cinematografico, e tornare al cabaret degli inizi, sulla scia del mitico Derby, la palestra di comici anni ’70, dove, oltre ad Abatantuono, mossero i primi passi Enzo Jannacci e Beppe Viola e tutti i «grandi» del cabaret milanese.
Questa sera, il secondo round, con tante novità e una parterre di comici d’eccezione. A partire dallo stesso Abatantuono, la vera «anima» del cabaret - che questa sera parteciperà insieme a tutto il cast alla festa di Natale di fine spettacolo - per proseguire con i mitici Fichi d’India (nei panni di Shrek e Fiona), Marco Milano e Rita Pelusio (nelle inedite vesti della domestica di Letizia Moratti).