Salute per l'infanzia, concerto di Veronesi

Non poteva esserci luogo più approppriato della Sala delle Colonne
“Leonardo da Vinci“, Museo della Scienza e della Tecnica, per fare da
cornice al tradizionale appuntamento di beneficenza natalizia della
Fonsazione ASM

Non poteva esserci luogo più approppriato della Sala delle Colonne “Leonardo da Vinci“, Museo della Scienza e della Tecnica, per fare da cornice al tradizionale appuntamento di beneficenza natalizia della Fonsazione ASM. Sono da 14 anni che Marinella Di Capua e il professor Umberto Veronesi hanno creato questa fondazione per la salute per l’infanzia che si regge anche grazie all’entusiasmo e alla solidarietà fattiva dei milanesi. E infatti l’altra sera intorno al Maestro Alberto Veronesi, futuro direttore della Carnagie Hall di New York, e figlio del grande oncologo Umberto, alla celebre violinista Saule Kilaite e ai solisti di The Madrix, Saulekilai, l’arpista celtica, c’era l’italianità che non dimentica i suoi doveri verso i più deboli: alle pareti affreschi di Bernardino Luini (1500) e nelle teche modelli originali di Leonardo studiati per realizzare opere di idraulica e di volo. Le musiche sono andate dall’«Arabesque» di Bebussy a Bach. Deliziosa la prima ballerian della Scala, Sabrina Brazzo. Un grazie a Fiorenzo Galli direttore del museo pera vere opsitato l’appuntamento milanese più atteso per la charity. Nel corso della serata sono stati consegnati i due premi speciali ASM destinati a personalità che si sono distinte nei confronti della solidarietà e del sociale. I riconoscimenti sono andati al prefetto di Milano Gian Valerio Lombardo e al presidente della provincia Guido Podestà. Ci sono stati anche altri riconoscimenti legati all’apporto scientifico: in questo caso si tratta di professori e medici come Caronni, Ferrazzi e Bernè che da anni contribuiscono allacura delle malattie legate all’infanzia. Una ricca lotteria condotta da Rosanna Lambertucci ha completato la serata ed è servita a recuperare fondi per contrastare in modo sempre più efficace questo flagello silenzioso che ancora oggi, soltanto in Italia, vede colpiti 28mila bambini ogni anno, vale a dire un neonato ogni 18 minuti. Molteplici le aziende e le personalità che hanno contribuito all’iniziativa: Landi di Chiavenna, Dompè, Ruffo di Calabria, Teso, Brivio Sforza, di Carpegna, Dal Pozzo, Mill, Beccaria, Artum, Berti, Peso, Poli, Javarone, Ajello, Del Vecchio, Benedini, Del Pozzo, Pesce, Pederzani, Poli e poi Furstenberg, Curiel, Balestra, Emmebiemme, Zepter, Meritalia, Diamanlie, SalvatiSnai, Atout France. Villa Eden di Merano, Cottone, tutti degni di essere citati per una missione così grande.