Salute: Psa a pagamento prima dei 50 e dopo i 70

Meglio prevenire che curare? No, secondo la Regione meglio risparmiare. Così taglia di qui, taglia di là, adesso a far le spese del ridimensionamento alla sanità sono i liguri, uomini, con meno di 50 anni e più di 70 che se vorranno sottoporsi a un esame del «Psa», per la scoperta precoce del tumore della prostata dovranno pagarsi l’esame. «In tempi di ristrettezza economica la Regione Liguria si adegua agli Stati Uniti d’America, anzi li supera. Dal primo gennaio, anche se la notizia è passata inosservata, tutti i maschi con meno di 50 anni, e superiore a 70, che non abbiano una diagnosi istologica di tumore alla prostata, devono pagare il dosaggio del Psa - dice Aldo De Rose, specialista Andrologo e Urologo del San Martino - Il problema è particolarmente importante per tutti i quarantenni che, nonostante abbiano una storia familiare di tumore alla prostata, non possono avere lo screening con un ticket, ma lo devono pagare per intero». Così se gli Stati Uniti hanno spostato il limite a 75 anni, la Liguria lo ha messo a 70, quando per i medici si è ancora troppo giovani per non operarsi se è il caso.