Albicocche secche, un toccasana per il cuore e la circolazione

Gli esperti ne consigliano tre al giorno

Forse non lo sapevate, ma le albicocche secche fanno bene al cuore e alla circolazione. Sono ricche di fibre, potassio e ferro e offrono più benefici alla salute di quelle fresche.
Perché con il processo di essiccamento l'albicocca non solo mantiene i valori nutritivi che la contraddistingue rispetto ad altri frutti, ma aumenta anche la presenza di vitamina A.

Inoltre, ogni cento grammi di albicocche secche ci sono 1260 milligrammi di potassio. Addirittura un valore più alto rispetto alle banane e alle albicocche fresche. Il potassio, come noto, aiuta a regolare l'equilibrio dei fluidi intercellulari assicurando, così, una buona funzionalità muscolare, una pressione regolare e un battito cardiaco nella norma. Non solo, ma le albicocche secche, oltre ad essere tra le meno caloriche di tutta la frutta secca (ma, attenzione, sono più caloriche delle albicocche fresche), sono anche antiossidanti e antitumorali. Fanno bene alla pelle e mantengono basso il livello di colesterolo.

Le albicocche secche hanno anche un'alta percentuale di proteine. Ma attenzione a non mangiarne più di tre al giorno: gli esperti consigliano di evitare soprattutto quelle di color arancio brillante perché potrebbero essere state trattate con anidride solforosa, un gas che serve per la durata di conservazione.

Come si legge sul giornale on line "ideegreen.it", le albicocche secche combattono l’anemia e allo stesso tempo sono utili per lo sviluppo delle ossa e per stimolare la produzione di melanina che protegge la pelle. Insomma, uno di quei cibi che non dovrebbero mai mancare in cucina.