Arriva la pasta del futuro: sarà stampata in 3D

Il rivoluzionario progetto realizzato da Barilla sarà presentato martedì prossimo a Cibus. Grazie a questa innovazione sarà possibile produrre formati unici

La pasta sposa l'hi-tech. Da oggi si potrà fare anche con una stampante 3D. Il rivoluzionario progetto realizzato da Barilla sarà presentato martedì prossimo a Cibus, il salone internazionale dell'alimentazione che dal 9 al 12 maggio animerà Parma.

La stampa della Pasta 3D è un progetto che il gruppo sta portando avanti da quattro anni, nato da una collaborazione con il centro di Ricerca Olandese TNO (Organizzazione Olandese per la Ricerca Scientifica Applicata). Nel 2015 è stato realizzato un primo prototipo con tecnologia di stampa 3D in grado di produrre pasta fresca in 2 minuti, utilizzando un impasto preparato solo con semola di grano duro e acqua. "Grazie a questa innovazione - sottolinea Barilla - sarà possibile produrre formati unici, caratterizzati da forme e geometrie non ottenibili con le tradizionali tecnologie utilizzate per la produzione di pasta". Alla fine del 2014 il concorso di design PrintEat! Your new idea of Pasta, lanciato sulla piattaforma internazionale Thingarage, ha permesso di raccogliere nuove idee di forme di pasta da realizzare con la stampante 3D. Degli oltre 200 progetti presentati, una giuria di esperti ha premiato i vincitori: "Rose", "Luna" e "Vortipa", tre formati realizzabili solo per mezzo della tecnologia di stampa 3D.

"Preparare la pasta è facilissimo - spiega Fabrizio Cassotta, Innovation Pasta, Ready Meals and Smart Food Manager - basta caricare le cartucce di impasto nella macchina e il gioco è fatto. Tutto dura pochi minuti". Barilla sta valutando le possibili applicazioni di questa innovazione. Oltre all'uso domestico, si pensa a veri e propri ristoranti dove ordinare piatti di pasta su misura dall'iPad, o negozi di pasta fresca dove ritirare l'ordine fatto online. "La pasta 3D, oltre a essere una pasta di ottima qualità, veloce in cottura ma nello stesso tempo al dente - afferma lo chef di Barilla Marcello Zaccaria - si presta alla realizzazione di piatti gourmet".