Fame nervosa : come combattere in modo naturale l'appetito compulsivo

La fame nervosa è un problema alimentare molto comune ed è legato quasi sempre a cause di tipo psicologico

La fame nervosa è una problematica alimentare sempre più diffusa nella popolazione ed è deleteria per il benessere psico-fisico dell'uomo. La fame nervosa, infatti, porta le persone a mangiare in maniera spropositata e compulsiva; in questi casi non si mangia perché si è affamati, ma solo per soddisfare un bisogno momentaneo e impulsivo. Questo vorace e nervoso appetito dipende, nella stragrande maggioranza dei casi, da fattori di tipo psicologico e psicosomatico, quali l'ansia, la tristezza, la rabbia o la paura, come sostengono in proposito moltissimi dietologi.

Molte persone che si trovano ad attraversare un periodo buio nell'arco della propria vita tendono a scaricare le loro emozioni negative sul cibo, arrivando in alcuni casi a sviluppare un vero e proprio disturbo alimentare. Il meccanismo psicologico che sta alla base della fame nervosa viene definito dagli scienziati "eating emozionale”, esso consiste nell'utilizzo del cibo come mezzo per fronteggiare le proprie emozioni, perciò in base a tale meccanismo le persone sono portate a sfogarsi sul cibo e, soprattuto, a trovare in esso quelle gratificazioni e quel piacere che non riscontrano altrove. A livello scientifico, la spiegazione di tale processo va ricercata nell'ipotalamo, quella fondamentale struttura nervosa che regola le emozioni e, con esse, anche il senso della fame e della sazietà; un'alterazione nel funzionamento dell'ipotalamo può, quindi, dare origine allo sviluppo della fame nervosa.

Per cercare di placare la fame nervosa esistono una serie di rimedi completamente naturali, che si sono rivelati molto efficaci, ma, anche alcuni importanti accorgimenti e consigli da seguire. In primo luogo, c'è una gran quantità di alimenti in grado di calmare la fame: si tratta di tutti quei cibi che contengono il triptofano, che, al pari della serotonina, rilascia una sensazione di piacere nel corpo. Alimenti ricchi di questa sostanza sono la frutta, il latte, le uova, i legumi secchi e i cereali. Anche gli agrumi sono potenti alleati contro la fame nervosa, in quanto aiutano a limitare l'agitazione del cuore, favorendo un senso di serenità e di minore appetito.

Un consiglio importante da seguire è, poi, quello di mangiare cibo speziato e piccante. Questi piatti migliorano la produzione di endorfine, sostanze che rendono piacevole il pasto. Per questo motivo è bene assumere spezie come peperoncino e cannella. Un'altra buona abitudine per evitare attacchi di fame nervosa è assumere una porzione di frutta o verdura prima di mangiare; essendo ricchi di fibre, questi cibi attenuano il senso di fame. Bere molto, inoltre, soprattuto acqua, tè e tisane è di grande aiuto in questi casi, in quanto i liquidi saziano parecchio.Tra i prodotti erboristici sono, poi, fortemente consigliati l'arancio amaro, la rodiola rosea, la melissa e il tiglio, ideali per abbassare lo stress e quindi per stare lontano da possibili scorpacciate dovute al nervosismo e all'agitazione.

Ci sono, infine, altri metodi utili per calmare l'ansia e l'agitazione, uscendo dal circolo deleterio della fame nervosa. Primariamente, imparare ad utilizzare tecniche di rilassamento, come lo yoga o la meditazione, è assolutamente benefico per il nostro equilibrio psico-fisico, in quanto ci permette di gestire ansie, paure e frustrazioni. Anche praticare uno sport in maniera regolare può essere importante per controllare l'impulso irrefrenabile di mangiare, dal momento che stimola la produzione di endorfina.