Francia, primo trapianto di pelle da gemello per il 95% del corpo

Sono già stati fatti in passato trapianti di pelle da gemello a gemello, ma questo è stato il primo a coprire una superficie così ampia

Un uomo che ha subìto ustioni su oltre il 95 % del corpo, rischiando di morire, è stato salvato da un trapianto di pelle dal suo gemello identico in un'operazione unica al mondo per l'entità della superficie trattata annunciata oggi dai medici francesi. L'uomo di 33 anni, identificato solo come Franck, ha ricevuto la pelle dal cranio, dalla schiena e dalle cosce di suo fratello Eric.

Ricevere un trapianto da un gemello geneticamente identico elimina il rischio di vedere il corpo del ricevente rifiutare materiale "estraneo" da un donatore non correlato. Di solito nei casi di ustioni, viene utilizzata la pelle di un donatore deceduto e la pelle del donatore viene in genere respinta entro poche settimane. Ma è sufficiente che la nuova pelle inizi a crescere o venga raccolta da altre parti del corpo del paziente.

Sono già stati fatti in passato trapianti di pelle da gemello a gemello, ma questo è stato il primo a coprire una superficie così ampia, ha detto Maurice Mimoun, chirurgo dell'ospedale Saint-Louis di Parigi, dove è stata eseguita la procedura. Il precedente record di trapianti riguardava un caso in cui circa il 68% del corpo della vittima era ustionato. Franck è stato ricoverato in ospedale a settembre dello scorso anno dopo un incidente di lavoro, e il primo trapianto dal suo gemello è stato fatto una settimana dopo, seguito da circa una dozzina di procedure.

Quattro mesi e mezzo dopo il ricovero, Franck lasciò l'ospedale per un centro di riabilitazione. Oggi "è a casa con il suo compagno, può andare avanti con le sue attività, il suo viso è guarito bene", ha detto Mimoun.

Come afferma a Le Figaro Maurice Mimoun, il gemello donatore "è stato molto coraggioso" in quanto sapeva che il trattamento avrebbe provocato una serie di cicatrici sul suo corpo. Nonostante questo, "non gli importava, voleva solo salvare la vita di suo fratello".