Smartphone: un test aiuta a capire se i figli lo usano troppo

Un gruppo di pediatri inglesi del Royal College of Paediatrics and Child Health ha creato un test basato su 4 semplici domande che permette ai genitori di capire quanto tempo i propri figli trascorrono usando lo smartphone

Lo smartphone rappresenta ormai uno degli oggetti più usati in assoluto in ambito tecnologico, grazie alle sue molteplici funzioni e alla sua facilità di utilizzo. Adulti, ragazzi, ma anche bambini passano molto tempo davanti allo schermo del proprio smartphone, navigando in rete, chattando o giocando; tuttavia, l'uso eccessivo di questi dispositivi, soprattutto da parte di adolescenti e ragazzi non è per niente positivo e, anzi, a lungo andare può essere controproducente e dare origine a problemi di diverso tipo, come una minore concentrazione o difficoltà a dormire.

Per questo motivo, un gruppo di pediatri inglesi del Royal College of Paediatrics and Child Health ha approfondito gli studi in merito a questa delicata tematica e ha messo a punto un vero e proprio test che permette di verificare quanto tempo i ragazzi trascorrono incollati davanti allo schermo del loro smartphone. Lo scopo del test è quello di aiutare i genitori a capire se i propri figli usano lo smartphone in maniera eccessiva, come sempre più spesso accade, ma, soprattutto, se il tempo che trascorrono navigando o chattando interferisce con le altre attività quotidiane da svolgere, come studiare, mangiare e dormire.

Il test creato dai pediatri inglesi consiste, in realtà, nella semplice formulazione di 4 domande, che i genitori devono porre ai propri figli, ma anche a se stessi in quanto nucleo familiare, al fine di comprendere effettivamente il rapporto che essi hanno con lo smartphone e prendere provvedimenti laddove risulti eccessivo. Ecco, in breve, i quesiti consigliati dagli scienziati: "Sapete quanto tempo la vostra famiglia passa davanti allo schermo? L'uso dei dispositivi interferisce con quello che vuole fare la famiglia? Gli schermi interferiscono con il sonno? Siete in grado di controllare l'impulso a mangiare mentre usate i dispositivi?".

Nel caso in cui le risposte a queste domande siano tutte affermative, si può stare sereni ed evitare di preoccuparsi, in quanto la situazione è sotto controllo. Al contrario, se si risponde in maniera negativa o con molte incertezze, è bene stare in guardia e assicurarsi che i ragazzi riducano le ore trascorse davanti allo smartphone, ma anche al pc o alla televisione.

I risultati ottenuti da questa importante ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Bmj Open e sono di grande rilevanza, dal momento che hanno messo in luce le conseguenze negative e gli eventuali rischi provocati da un uso smodato dei dispositivi elettronici. Lo studio inglese, infatti, ha confemato l'esistenza di un legame tra problemi quali obesità e depressione e utilizzo degli smartphone. Saranno comunque necessarie nuove indagini e altri studi più accurati per capire effettivamente se sia il tempo eccessivo che si trascorre davanti a questi dispositivi a scatenare queste patologie o se bambini e ragazzi che già presentano questi disturbi siano maggiormente predisposti a sviluppare tale dipendenza tecnologica.