«SpecialMente» punta sui Giochi di Rio

Cocca Visconti, disabile, dopo aver affrontato lo sci grazie a SciAbile, ora si allena per la Boccia Paralimpica

Viviana PersianiUn anno davvero importante per Bmw che a Monaco di Baviera ha dato il via alle celebrazioni per il Centenario dalla nascita della Casa automobilistica. Un 2016 ancor più significativo visto che, ben 50 anni fa, la Casa varcò i confini italiani portando sulle strade nel nostro Paese tecnologia e design ricercato.Bmw, tra una storia di successi e lo sguardo sempre rivolto anche al futuro, unisce ai festeggiamenti anche la presentazione del programma SpecialMente, il progetto di Corporate Social Responsability dedicato ai portatori di handicap che, da quest'anno, si arricchisce di due iniziative. Dal 2003, Bmw Italia ha costruito uno dei pilastri della sua strategia d'impresa promuovendo e finanziando SciAbile, la Scuola di Sci per disabili di Salice d'Ulzio. La montagna è un'opportunità e se il primo anno questa iniziativa aveva regalato gioia e passione a 30 ragazzi portatori di handicap che hanno avuto il coraggio di affrontare un nuovo sport, oggi sono ben 200 coloro che affrontano le difficoltà dell'ambiente montano, ricavandone anche un enorme vantaggio dal punto di vista dell'inclusione sociale. La montagna come metafora dei problemi della vita: nulla è invalicabile. Altro pilastro della Crs Bmw è l'associazione Dynamo Camp, fondata nel 2007, l'unica struttura italiana di terapia ricreativa capace di ospitare bambini e ragazzi affetti da gravi patologie e dalla vita inevitabilmente compromessa. La sfida di riuscire a mettere in contatto due realtà distanti geograficamente (una Salice d'Ulzio, l'altra vicino a Pistoia), ma accomunate dalla medesima mission, e creare tra le due uno scambio di esperienze e un arricchimento reciproco è stata brillantemente vinta da Bmw Italia. I maestri della scuola del progetto SciAbile si sono recati sull'Abetone e dopo aver messo sugli sci ragazzi della Dynamo Camp, hanno regalato loro l'emozione di un nuovo sport e della velocità.«Un'iniziativa che arricchisce i programmi di terapia ricreativa di Dynamo, esprimendo in pieno il nostro obiettivo di far sperimentare ai bambini attività sicure, divertenti, sfidanti ed emozionanti, che permettano loro di rinnovare la fiducia in se stessi e nelle proprie capacità», spiega Maria Serena Porcari, ad di Fondazione Dynamo. Nulla è impossibile: basta trovare il modo alternativo per farle. Il testimonial di questa iniziativa è Alex Zanardi, pilota Bmw e campione paralimpico di ciclismo: «Dar voce e mezzi a chi sinora ha fatto fatica a trovarli, per costruire un proprio percorso attraverso i propri talenti, normali o residui che siano, è a mio avviso il senso e il tentativo che SpecialMente cerca di attuare. L'intento è anche quello di trasmettere a queste persona una certa fiducia in loro stesse e far crescere anche la loro autostima per migliorare la qualità della loro vita».Obiettivo sicuramente raggiunto con Cocca Visconti, ragazza affetta da una grave disabilità che, dopo aver affrontato lo sci con l'aiuto dei maestri di SciAbile, si sta allenando per partecipare alla Boccia Paralimpica alle Olimpiadi di Rio 2016. Bmw ha raccolto anche questa sfida. «Questa storia vuole trasformarsi in sfida per raggiungere traguardi internazionali attraverso la partecipazione alle prossime Paralimpiadi di Rio da parte della prima rappresentativa italiana nella disciplina», spiega Sandrino Porru presidente Fispes. A dimostrazione, ancora una volta, che nulla è impossibile.