Tumori: la vitamina A riduce il carcinoma alla pelle

La vitamina A riduce del 17% il rischio di contrarre uno specifico tumore della pelle: ecco che cosa sostiene uno studio americano e i cibi che la contengono

La prevenzione dei tumori della pelle passa per il consumo di vitamina A.

Come riporta Adnkronos, una dieta ricca di cibi che contengono questa vitamina riduce il 17% il rischio di insorgenza del carcinoma cutaneo a cellule squamose. E dato che la vitamina A è contenuta in molta frutta e verdura, consumando questi alimenti non si sbaglia mai.

A dirlo è la Brown University, che ha realizzato uno studio pubblicato sul Journal of the American Medical Association Dermatology. La ricerca è partita da due studi osservazionali a lungo termine. Il primo ha seguito 121.000 donne statunitensi dal 1984 al 2012, mentre il secondo è un follow up relativo a 51.000 uomini americani tra il 1986 e il 2012. È emerso che le persone con un più alto apporto quotidiano di vitamina A avevano il 17% in meno di possibilità di contrarre questi tumori specifici, rispetto a chi assumeva meno frutta e verdura con quella vitamina.

Si sa da molto tempo che la vitamina A fa bene alle cellule della pelle e si trova in tantissimi alimenti, frutta e verdura in primis ma anche altri: spiccano fegato, tuorlo d’uomo, burro, carote crude, patate dolci, broccoli, pomodori, spinaci, cavoli, zucca, lattuga, cicoria, melone, pesche, arance e cocomeri.

Il cancro della pelle - spiega Eunyoung Cho, associata di Dermatologia alla Brown University - incluso il carcinoma a cellule squamose, è difficile da prevenire, ma questo studio suggerisce che una dieta sana e ricca di vitamina A può essere un modo per ridurre il rischio, oltre a quello di indossare la protezione solare e ridurre l’esposizione”.