Vaccino? No grazie. I genitori lo temono più dell'influenza

Il 33% delle famiglie italiane preferisce evitare di sottoporre i propri bambini alle iniezioni. E il rischio contagio, in vista dei primi malanni autunnali, aumenta

Lo spauracchio non sono le malattie ma i vaccini. Così la pensa il 33% dei genitori italiani, preoccupato per la salute dei propri figli quando vengono sottoposti a iniezioni finalizzate a renderli immuni dalle patologie stesse.

E’ quanto emerge da una ricerca presentata a Lecce in occasione del congresso nazionale di Paidòss, (l'Osservatorio nazionale sulla salute dell'infanzia e dell'adolescenza) e condotta su 1.000 famiglie con bambini fino a 6 anni, intervistate dai sondaggisti di Datanalysis. Condizionati dagli ultimi casi di cronaca (come il ritiro di un antinfluenzale per presunti effetti indesiderati) e dalle incessanti notizie (spesso infondate) diffuse sul web, i genitori nutrono sempre più perplessità sulla somministrazione dei vaccini, anche se cresce la percentuale degli adulti (26,8%) che preferisce non fidarsi di quanto legge navigando tra siti e forum.

"Il calo dell'attenzione che stiamo registrando nei confronti delle vaccinazioni ci preoccupa per le recrudescenze di malattie condagiose quali morbillo, varicella, rosolia e meningiti pneumococciche a cui assistiamo ultimamente", ha commentato Giuseppe Mele, presidente Paidòss. Più severo Walter Ricciardi, direttore dell'Istituto Superiore di Sanità: "Gli operatori della sanità pubblica, dai medici e pediatri alle ostetriche, che gettano discredito sui vaccini e suggeriscono ai genitori di non vaccinare i propri bambini andrebbero rimossi". Come dire, se il vaccino non basta, bisogna intervenire alla radice. Ma intanto il rischio contagio, in vista delle prime influenze antunnali, è dietro l'angolo.

Commenti

FRANZJOSEFVONOS...

Sab, 26/09/2015 - 19:44

COGLIONAZZI POLITICIZZATI CHE DATE PER DIFENDERE I VOSTRI FIGLI LE CxxxxxE DEI BUONISTI SxxxxxxxxxI? MAGARI CI SARA' UNA EPIDEMIA PORTARTA DAI CLANDESTINI COME POLIOMELITE ED ALTRO VEDETE QUANTI SCIAMCATI OVVERO STORPI CI SARANNO CHE CAMMINERANNO COME DURANTE IL PERIODO ANTICO DELL'ITALIA INTERROGATE MEDICINA DEMOCRATICA CHE VI DIRANNO?