Il salvataggio è già a rischio

Richard Ginori

È stato siglato lunedì scorso ma è già a rischio, secondo l’agenzia Radiocor, l’accordo tra il gruppo Pagnossin e Starfin per il salvataggio di Richard Ginori. L’intesa, che prevedeva la sottoscrizione da parte di Starfin dell’aumento di capitale e la garanzia sull’eventuale inoptato, doveva essere formalizzata oggi. Dal Fronte Pagnossin, tuttavia, non è arrivata risposta. Per questo il presidente di Starfin Sergio Gnani ha lanciato un ultimatum attraverso una lettera indirizzata a Carlo Rinaldini, azionista di controllo di Pagnossin e Richard Ginori. «Trascorso il termine delle ore 16 di domenica 22 luglio 2007 - si legge - Starfin considererà decaduta ogni proposta e interrotte definitivamente le trattative con l’attuale proprietà del gruppo Pagnossin».