«Salvate la convenzione con la clinica che funziona»

Leggo su vari quotidiani che la convenzione con la Clinica Villa Azzurra di Rapallo, la quale al momento farebbe concorrenza agli ospedali pubblici, sarebbe a rischio, e il motivo è che in questo periodo di «tagli» e «razionalizzazioni da parte della Sanità Nazionale» è più conveniente tagliare la convenzione. Trovo tale pensiero, o idea, o richiesta, da semplice cittadino assurda e fuori luogo. Dico questo per il semplice fatto che a mio parere e penso di abbracciare quello di tante e tante persone, ben vengano e meno male che esistono strutture sanitarie come quella di «Villa Azzurra» senza nulla togliere a quelle pubbliche.
Tali strutture sono valide a supporto di contribuire a concedere una offerta sanitaria a chi purtroppo ne ha bisogno.
Parlo anche in considerazione personale quando sei anni orsono proprio in questo periodo venni ricoverato in tale struttura per la sostituzione della valvola cardiaca e della applicazione di tre by-pass. Ricordo che rimasi ricoverato circa un mese, per essere dimesso con le raccomandazioni di seguire la terapia che il caso richiedeva, senza che ad oggi abbia avuto un problema in merito e così penso anche da altri che come me sono stati seguiti dai componenti sanitari di tale struttura ai quali continua ad andare il mio giusto riconoscimento. Faccio inoltre presente che la direzione della stessa ogni sei mesi circa telefona a chi è stato ricoverato per conoscere e sapere dello stato di salute di chi ha avuto modo di servirsi della stessa. Non me ne voglia chi chiede che non si rinnovi la convenzione, ma sono attenzioni che mi pare tante altre strutture pubbliche sanitarie siano latenti, sempre con tutto il rispetto dovuto alle stesse, ed ai loro meriti nell’operare per la salute delle persone.
Quindi non vedo perché possano temere la «concorrenza» di quelle private, le quali sempre a mio modesto e umile parere, lavorano anche loro per alleviare il dolore delle persone.