Salvatori: «Unipol con Bpm o Bper? Presto per dirlo»

Prima di decidere se Unipol è interessata a un’eventuale aggregazione con la Banca popolare dell’Emilia Romagna o con la Banca popolare di Milano - dopo il fallimento della proposta di matrimonio tra l’istituto milanese e quello emiliano-romagnolo - «bisogna capire quello che è successo e vedere quali sono i loro programmi». Ne è convinto l’amministratore delegato di Unipol, Carlo Salvatori, che, alla domanda dei cronisti se il gruppo bolognese fosse interessato a un’eventuale matrimonio con uno dei due istituti dopo lo stop arrivato dal cda della banca milanese, precisa: «So quello che sapete voi. Bisogna capire quello che è successo, io non l’ho capito». In questo momento, continua Salvatori, «è presto per parlare di qualsiasi cosa. Bisogna vedere quali sono i loro programmi». Questo è uno dei casi, ha aggiunto, in cui «si deve dire no comment».