Salvini «regala» ai milanesi il suo sangue padano doc

Matteo Salvini è un leghista che ha nel sangue Milano. Tanto da aver organizzato assieme all’Avis ieri mattina alle 11, nella sede dell’associazione a Largo Volontari del sangue 1 (zona Lambrate) una maxi donazione di sangue assieme ad alcuni «colleghi» consiglieri comunali di Palazzo Marino: «Agosto è il mese più difficile per la raccolta del sangue - dice Salvini (nella foto mentre effettua il prelievo di sangue) - ma gli ammalati non vanno in vacanza e gli ospedali non chiudono». L’Avis fa sapere che per effettuare una donazione è sufficiente godere di buona salute, pesare almeno 50 chili e avere un’età compresa fra i 18 e i 65 anni. A chi non ha mai donato, la prima volta verranno effettuati gli esami di idoneità per avere un controllo generale sul proprio stato di salute. L’invito a donare il sangue, soprattutto d’estate, è rivolto a tutta la città. E a chi ha paura di ospedali, infermiere e siringhe Salvini al Giornale assicura: «Non ci sono scuse, dell’ago non ci si accorge neanche, si perde solo qualche minuto. E non mi interessa a chi va il mio sangue...».