Samp ai blocchi di partenza Ed è subito festa per 20mila

Paola Balsomini

C'è chi ha aspettato otto anni per gustarsi ancora una Sampdoria europea, c'è chi ha visto soltanto la promozione, la serie A, il quinto posto. Il bambino chiede al nonno che lo accompagna per mano al Ferraris: «Saremo in tanti?». In ventimila, forse anche qualche migliaio in più, diranno i Distinti e le Tribune gremite e una coreografia hollywoodiana. Ventimila voci, ventimila per una manciata di generazioni. Quella della nascita della Sampdoria, dello scudetto, dell'inferno della cadetteria. Ci sono tutti, perché sognare non costa nulla e qualche volta i sogni si avverano. Almeno questo pensa il bambino che ha visto solo tante vittorie. Così quando vede Francesco Flachi che spunta dal sottopassaggio, il suo sorriso sornione, il ritrovato Bazzani (molto applausi e qualche fischio), (...)