Una Samp annacquata dice addio alla coppa Uefa

Le speranze dei blucerchiati finiscono contro una traversa Freddo e pioggia bloccano Cassano e i suoi compagni

Il muro di Aalborg elimina la Samp. Amarissima trasferta danese (0-0) dei blucerchiati che, nella doppia sfida con i danesi, escono sorprendentemente dall'Europa. Impresa mancata nel freddo e sotto la pioggia di Aalborg, con la Samp che attacca a testa bassa ma con poche idee e confuse, mentre i padroni di casa si schierano in difesa per 90 minuti. Due la palle più limpide per la squadra di Mazzarri, entrambe nel primo tempo con Caracciolo che manda a fil di palo servito da Volpi (18') e la traversa di Bellucci su assist di Sammarco. Nella ripresa un attacco poco lucido cozza contro il muro umano formato dagli avversari spegnendo ogni velleità doriana. Brutta pagina per la società blucerchiata che per la coppa Uefa ha iniziato con un mese d'anticipo la preparazione.
CASTELLAZZI 7: due interventi miracolosi nella ripresa.
LUCCHINI 6: sicuro e preciso.
SALA 6: più che difendere raccoglie palloni da distribuire. (dal 25'st DELVECCHIO 5: entra per dare freschezza alla squadra ma non concretizza nulla).
CAMPAGNARO 6: ha la vocazione di spingersi in avanti lasciando scoperta la difesa.
PALOMBO 6: inizia a destra, poi Mazzarri lo sposta al centro e cambia l'impostazione della Samp.
SAMMARCO 5,5: parte con il turbo ma esaurisce presto la benzina. Triangola con Cassano ma si spegne alla distanza.
VOLPI 6,5: visione del gioco completa. Direttore d'orchestra.
ZIEGLER 5: spinge sulla sinistra ma non affonda e i suoi cross sbattono contro il muro danese. (dal 34'st PIERI sv).
BELLUCCI 6,5: Mazzarri non lo risparmia neanche in questa occasione. Generosità e tanta corsa ma scarsa lucidità.
CASSANO 6: la sua classe rende più frizzante il gioco blucerchiato. Martoriato dai danesi. (dal 15'st MONTELLA 5,5: ci si aspettava un suo guizzo per risolvere la gara, ma non gli riesce).
CARACCIOLO 5: parte bene, poi viene sommerso dalla difesa danese.
MAZZARRI 5,5: il suo gioco patisce l'inefficacia degli esterni. Una qualificazione persa a Marassi.