Samp, Bonazzoli ritrova gol e sfortuna: nuovo ko

A riposo per affaticamento muscolare Mazzarri: più Delvecchio che Fornaroli

Non ha avuto nemmeno il tempo di godersi la doppietta con il Kaunas e subito un guaio per Emiliano Bonazzoli che ieri mattina, alla ripresa degli allenamenti a Bogliasco, è rimasto a riposo. Il bollettino medico dice che l’attaccante ha avuto un risentimento muscolare, fastidiosa eredità della sfida di Coppa Uefa. E adesso il giocatore potrebbe ritrovarsi nuovamente ai box proprio alla vigilia della partita casalinga con il Chievo che sarà arbitrata da Ayroldi di Molfetta. E per lui, che aveva ritrovato gol e fiducia, sarebbe uno stop pesantissimo dal punto di vista del morale. L’aspetto chiave è questo: mancano poche ore alla gara di campionato, un fattore che rischia di diventare determinante per capire se potrà farcela oppure dovrà rinunciare al match contro la squadra di Iachini. Se Bonazzoli (insieme ad Antonio Cassano, primi «doppiettisti» della Sampdoria in Coppa delle Fiere/Coppa Uefa) dovesse alzare bandiera bianca, è probabile un ritorno al passato con l’inserimento dal primo minuto di Gennaro Delvecchio e Walter Mazzarri riproporrebbe il 3-5-1-1.
Dopo i segnali confortanti, offerti nello spezzone di gara con il Kaunas, ci sarebbe la candidatura di Bruno Fornaroli ma è difficile che il tecnico doriano voglia gettarlo subito nella mischia, più facile il suo inserimento nel corso del match. Dunque, è una Samp che deve subito fare i conti con un’altra tegola anche se Mazzarri può sorridere almeno per il rientro di Pietro Accardi che si è allenato insieme al gruppo: oggi effettuerà l’ultimo test e se le indicazioni saranno positive riprenderà il suo posto in difesa al posto di Jonathan Bottinelli. A centrocampo, invece, ci saranno novità, annunciate in settimana anche dallo stesso Mazzarri: Daniele Dessena dovrebbe giocare dal primo minuto dopo lo spezzone di gara con il Kaunas. Ci sono due possibilità: potrebbe prendere il posto di Marius Stankevicius sulla fascia destra ma anche dare il cambio a Paolo Sammarco, l’unico centrocampista, insieme, a Palombo che non è ancora riuscito a tirare il fiato.