Una Samp per dimenticare la dipendenza da Cassano

«Le partite che stanno arrivando sono le più indisiose». Walter Mazzarri fa due conti e si accorge che il ciclo senza Cassano coincide con la sfida alle squadre di bassa classifica. Si comincia da quella di questo pomeriggio contro il Catania, con una media punti, per gli etnei, buona in casa ma pessima in trasferta. Altro aspetto positivo: la vittoria di Parma ha convinto sempre di più, soprattutto il tecnico, che questa Sampdoria può vincere anche senza il fantasista di Barivecchia. Tra i segnali positivi della gara pre Catania, poi, c'è anche la convocazione di Claudio Bellucci. Mazzarri ci sperava già da metà settimana: «Spero di averlo a disposizione, magari non dall'inizio: ne parlerò con lui, che è un ragazzo intelligente e non vede l'ora di tornare a giocare». Oggi quindi il numero undici potrebbe partire dalla panchina (ma un pensierino su un suo impiego da titolare Mazzarri l'ha fatto), davanti ci saranno ancora Delvecchio e Bonazzoli in un 3-5-1-1 obbligato e non più inedito. Sicuramente Bellucci sarà schierato per qualche minuto nel finale. L'obiettivo dell'attaccante blucerchiato, operato al menisco il 3 marzo, rimane quello di scendere in campo nel turno infrasettimanale contro il Milan, bruciando così tutte le tappe.
Intanto però c'è il Catania e Mazzarri può tornare a rifiatare almeno nelle scelte che riguardano la difesa: Sala rientra dalla squalifica e Lucchini è completamente recuperato. Manca, quindi, ancora Campagnaro. Contro il Catania invece sarà confermato il centrocampo sceso in campo al Tardini, con l'unica eccezione del rientro di Pieri, che ha smaltito l'infortunio muscolare, al posto di Ziegler. Al centro ancora Palombo, con Franceschini e Sammarco a supporto del capitano. Altra esclusione per Volpi che però, in un turn over obbligato, avrà una chance dal primo minuto nella sfida di San Siro. Poi la Samp incontrerà solo squadre di bassa classifica: «È un bell'esame di maturità, e sono curioso di vedere come lo affronterà la mia squadra. Ogni partita per chi lotta per salvarsi diventa questione di vita o di morte, se non ci metti adrenalina, convinzione e cattiveria non vai da nessuna parte. Certo è che, se la classifica è questa, qualche cosa in più dei nostri avversari dobbiamo anche averla».
Nel Catania indisponibili i convalescenti Martinez, Morimoto e Sardo, squalificato Biagianti, mentre sono recuperati rispetto alla settimana scorsa i due ex Edusei e Terlizzi, che ha scontato il turno di stop imposto dal giudice sportivo.