Samp, disastro senza confini

Genova Cassano? Probabilmente gioca in Ucraina. Ieri sera, vedere la tecnica dei giocatori del Matalist Kharkiv faceva venire seri dubbi su chi fossero i fenomeni in campo. La squadra allenata da Markevych ha dominato l’incontro con la Sampdoria al di là di quanto dica il punteggio, soprattutto dal punto di vista che meno ci si attendeva da una squadra dell’Est: la tecnica. Fraseggi brevi, giocate di prima, dribbling ubriacanti e capacità di essere regolarmente sulla palla prima dei giocatori di casa. Del resto, a testimoniare la forza del Metalist è il suo ruolino di marcia in Coppa Uefa: eliminazione del Besiktas al primo turno e primo posto nel «gironcino» senza subire gol davanti a Galatasaray, Olympiakos, Benfica e Herta Berlino.
Pessime notizie invece per Mazzarri: sul fronte blucerchiato, solite distrazioni in difesa, spinta inesistente sulla fascia e tandem d’attacco Cassano- Bellucci mai realmente in partita. Con questi presupposti il ritorno della settimana prossima a Kharkiv sembra impresa improba. E fa paura anche la partita di campionato di domenica in casa con l’Atalanta che, a questo punto, diventa lo snodo della stagione blucerchiata.