Samp a fari spenti non riesce a piegare i danesi dell’Aalborg

Una brutta vigilia da derby. La Sampdoria non va oltre il 2-2 nell'andata del primo turno di coppa Uefa contro l'Aalborg, compagine danese che, al sorteggio, sembrava la squadra ideale per un allenamento in vista della stracittadina. Mai profezia fu più sbagliata e i blucerchiati hanno sofferto e anche rincorso gli ospiti, tirati molto più a lucido dei padroni di casa. Quattro gol, due per tempo e concentrati in pochi minuti. Nel primo, al 17' punizione di Sammarco dalla destra, Bellucci prova la deviazione verso la rete, ma trova Delvecchio che ribatte in rete nell'area piccola. Samp in vantaggio per soli 60 secondi: punizione da 30 metri calciata da Prica passa la barriera e trova totalmente impreparato Castellazzi che si fa bucare per l'incredibile pareggio danese. Anche nella ripresa succede tutto nel giro di pochi minuti. Al 9' Johansson sfrutta una indecisione di Gastaldello e prova la botta da fuori area, Palombo è sulla traiettoria devia la palla che Castellazzi non riesce a ribattere fuori. Ma all'11' i blucerchiati rimediano con Bellucci abile a deviare di testa un cross di Montella. Al 36' anche un palo di Enevoldsen a spaventare il pubblico del «Ferraris».
Castellazzi voto 4: Si addormenta guardando la punizione di Prica che entra sul palo che dovrebbe coprire. Errore clamoroso che fa il paio con la papera di Napoli. Indeciso anche sulla seconda rete dove ha l'attenuante della deviazione di Palombo.
Gastaldello voto 5: errore clamoroso in occasione del 2-1. Sbaglia a liberare e serve Johansson che fulmina Castellazzi con la complicità di Palombo.
Palombo voto 6,5: gioca da leader dando ordine alla difesa, in un ruolo non suo, ma anche salendo per tentare di impostare l'azione.
Bastrini voto 5,5: Nervoso e impreciso. (dal 37' st) Pieri sv
Zenoni voto 5: Non gli manca la corsa, difetta in tutto il resto. Non riesce quasi mai a mettere una palla nel mezzo. Non è alla prima apparizione negativa, un inizio di stagione poco convincente. 17' st Volpi voto 6: entra per dare ordine e si fa male.
Sammarco 6,5: dai suoi piedi la prima conclusione della gara che impegna Zaza. Quindi la punizione che propizia il gol di Delvecchio. Gli manca ancora un po' di personalità ma i numeri ci sono.
Franceschini 5,5: non è il suo ruolo ideale e soffre parecchio le ripartenze danesi.
Ziegler 6: corre meno di Zenoni ma è molto più ordinato e preciso.
Delvecchio 6: nei primi 45' è l'unico brioso nell'attacco doriano. Non c'è solo il gol ma anche qualche palla giocata per Caracciolo. (10' st) Montella 7: basta il suo ingresso per rivoluzionare la partita della Samp. E' un fuoriclasse e non si discute: si deve apprezza.
Bellucci 6: quasi nullo nel primo tempo, si scatena nella ripresa quando entra Montella e cambiano i ritmi di gioco.
Caracciolo voto 5: gioca sempre spalle alla porta e, quando ha l'occasione, ad un quarto d'ora dalla fine, sbaglia la palla del 3-2. Ancora rimandato, rischia una bocciatura definitiva.