Samp, la formazione resta un’incognita

La Sampdoria ha scelto la via del silenzio in attesa della fondamentale sfida di domenica a mezzogiorno contro il Sassuolo. Non ci sarà nessuna conferenza stampa da parte di mister Atzori, quindi, e solo domani, quando la compagine blucerchiata scenderà in campo al «Ferraris» per il riscaldamento, si scoprirà l’undici titolare. I dubbi sulla formazione, soprattutto nelle retrovie, sono molti. Dopo il rientro di Daniele Gastaldello, già titolare nel match di mercoledì scorso, la scelta della coppia centrale di difesa sta procurando più di qualche «grattacapo» all’uomo di Collepardo.
A contendersi la partenza dal primo minuto, oltre che al veneto, si aggiungono anche Accardi e Costa. Massimo Volta, fermato per un turno dal giudice sportivo, seguirà, invece, la partita dalla tribuna. Una maglia da titolare potrebbe riconquistarla Rispoli, che dopo la convincente prestazione contro il Verona, si è rivelato pedina preziosa per il tecnico blucerchiato. In attacco, la coppia dovrebbe nuovamente essere quella formata da Pozzi e Bertani, anche se la prestazione positiva di Piovaccari, entrato al «Bentegodi» nel secondo tempo, potrebbe convincere il mister ad utilizzarlo dal primo minuto, magari al posto del bomber romagnolo, appena rientrato dall’infortunio.
Quello che è certo, per ora, è che la squadra in questi giorni ha lavorato al meglio per preparare la sfida contro la formazione dell’ex Pea. Dopo la sconfitta interna contro il Torino ed il deludente pareggio «scaligero», quella contro gli emiliani sarà per la Sampdoria una partita decisiva. Oltre agli avversari, uno degli ostacoli che i ragazzi di Atzori saranno chiamati a superare sarà quello dell’orario. La partita delle 12.30, si sa, non è molto gradita in ambiente calcistico: bioritmo fisico non abituato e il maggior caldo le critiche maggiormente mosse. Ma per calarsi nella parte la Sampdoria, già da ieri, ha spostato le lancette dell’orologio del campo di Bogliasco. Un bel «brunch» di gruppo composto da crostate, pomodori, bresaola e riso per dare la carica giusta, ma rimanendo leggeri, e poi tutti in campo. Ancora assenti Romero, Koman e Kristicic, impegnati con le rispettive nazionali, unico a parte, invece, Pasquale Foggia, ancora alle prese con l’infortunio. Il mister della Samp, d’altra parte, ha ritrovato Palombo che, smaltito il fastidio al ginocchio che non gli aveva permesso di prender parte alla sfida di mercoledì scorso, si è allenato regolarmente col resto del gruppo. La preparazione continuerà questo pomeriggio in un «Mugnaini» blindatissimo. Lo staff tecnico e la società hanno scelto che la rifinitura avvenga a porte chiuse e lontana da occhi indiscreti per favorire la concentrazione del gruppo. Anche perché proprio ieri, è arrivata la notizia dell’arresto a Rocco Canavese del fratello di Franco Semioli, centrocampista blucerchiato, per stalking. Maicol Semioli, 19 anni, ex promessa del Toro ha perseguitato per mesi l’ex fidanzata con telefonate, pedinamenti e minacce. Quindi la concentrazione per la Samp ci vorrà tutta, perché, dopo le ultime due gare che hanno rivelato una squadra troppo spesso spenta e non capace, con la grinta, di tenersi stretta il vantaggio iniziale, questa volta sbagliare non è proprio concesso. Il pubblico, come sempre, sarà sugli spalti, numerosissimo, ad incitare la squadra. Ripagarlo dovrà essere la parola d’ordine.