Samp, Genoa e Spezia «belle di notte»

Preparatevi al calendario più pazzo del mondo: lo allunghi, si stringe eppure riescono pure ad allargarlo. Samp, Genoa e Spezia: lo sapevate che non ci sarà mai una settimana normale? Allenamenti ad hoc, il programma lo decidiamo nel viaggio di ritorno dall’ultima trasferta. Anticipi e posticipi (infiliamoci dentro pure la Coppa Italia), quando è giorno oppure sotto i riflettori, fino a marzo ci vorrebbe un’agenda speciale per memorizzare tutti gli appuntamenti.
Questa è una piccola guida per capirci qualcosa. Poche istruzioni ma chiare. Date, avversari e orari per seguire quel pallone che rotola dal lunedì alla domenica. Un calendario frenetico per Samp, Genoa (magari rinforzato dall’attaccante argentino Mariano Pavone, in arrivo dall’Estudiantes) e Spezia. Meglio o peggio, decidete voi. Dunque, cerchiamo di vedere e ricordare chi, come, dove e quando. Iniziamo dalla Samp che aprirà il 2007 il prossimo 10 gennaio. Coppa Italia, quarti di finale, il Chievo è la porta da aprire per giocarsi le semifinali. Ore 20.30, sarà il primo round. Sette giorni dopo il bis a Verona, ma questa volta alle 15. Beh, il 14 gennaio arriverà la Fiorentina a Marassi (nulla di nuovo), e poi inizierà il ballo dell’anticipo/posticipo. Magari con un nuovo portiere: si parla del ritorno di Sereni o di uno fra Lobont e Lupatelli, proprio dai viola.
Dopo il giro di boa la prima novità arriverà domenica 28 gennaio. Cioè la seconda giornata di ritorno. Ore 20.30, notte di gala a Marassi perché ci sarà l’Inter, capolista, di Roberto Mancini. Divertimento assicurato davanti alle stelle (nerazzurre) e sotto le stelle (di Genova). Occhi, telecamere, riflettori puntati sulla nostra città, vediamo se i boys di Novellino fermeranno l’armata interista.
Una settimana come tutte le altre, poi, alla 4° (sabato 10 febbraio) anticipo alle 18 con l’Ascoli sempre in casa. Sarà la prima volta quest'anno per Flachi e soci. Alla decima, infine, (sabato 17 marzo) la Samp chiuderà il trittico: anticipo alle 20.30 con il Palermo tra le mura amiche. Ricapitolando, per la squadra blucerchiata notturna di domenica, e doppio anticipo (18 e 20.30) al sabato: tutto da gennaio a marzo. Tre occasioni per cambiare appuntamento, non ci vediamo domenica allo stadio. Passiamo a Genoa e Spezia. Sono ben 7 tra anticipi (al venerdì) e posticipi (che si giocheranno al lunedì). Mai in contemporanea. Subito in campo lo Spezia venerdì 12 gennaio quando riprenderà il campionato. Fischio d’inizio alle 20.45. Gli aquilotti affronteranno al Picco il Piacenza capolista di Iachini, una bella occasione per iniziare l’anno nuovo alla grande. Sette giorni dopo, stesso orario, alla penultima giornata del girone d’andata (siamo alla ventesima) toccherà al Genoa. A Marassi arriverà il Mantova, i commercianti del quartiere ringrazieranno per un sabato off limits al calcio. Sfogliamo il calendario, il Genoa sempre tirato di qua e di là. Nell’ultima gara dell’andata posticipo a Napoli (lunedì 29 gennaio) alle 20.45. La Grande serie B che diventa una notte con la A maiuscola. Vedrete, sarà un bello show. Stop, giriamo il libro del campionato che inizia la seconda parte del romanzo. E alla prima tocca ancora allo Spezia. Venerdì 2 febbraio, l’orario è sempre quello. Alle 20.45 gli aquilotti cercheranno la missione impossibile (ma non troppo) a Cesena di fronte ai romagnoli di Castori. È finita? Nemmeno per idea. Perché Guidetti e soci torneranno in prima serata venerdì 9 febbraio quando al Picco sbarcherà il Bologna di Renzo Ulivieri. Siamo alla seconda giornata, poi Genoa e Spezia prenderanno fiato fino all’ottavo turno. Toccherà alla squadra di Gian Piero Gasperini ritornerà in campo il venerdì (16 marzo) nella trasferta insidiosa di Cesena. Attenzione, si giocherà alle 21.00. Segnate l’orario, questa volta il fischio d’inizio sarà più tardi. Mentre ritornerà quello classico (cioè 20.30) qualche giorno dopo. Nona giornata, il Genoa sempre sballottato dalle onde del calendario. Martedì 20 marzo, appuntamento casalingo con il Verona. Tre giorni dopo Samp-Palermo. Stop, la Lega calcio ha deciso fino a qui. O meglio ci sarebbe anche l’ultimo week end di marzo ma Genoa e Spezia sono semplici spettatori. Queste sono le coordinate per indovinare la partita giusta nel giorno giusto, seguite una regola semplice. Non ci sono regole. Non ci sono giorni fissi. Come prima, anzi più di prima. Si gioca sempre. Forse il calcio (o meglio il calendario) sarà bello anche per questo.