La Samp di Iachini subisce con l’uomo in più

(...) Nella prima frazione partono bene gli ospiti che, dopo aver sfiorato il vantaggio con Pozzi di testa e con la traversa di Foggia su punizione, lo trovano con Volta. Azione di corner, respinge la difesa del Bari, Castellini recupera la palla, effettua un traversone che il difensore doriano ancora in area di rigore trasforma in rete con un'incornata da attaccante puro. In precedenza però era stato decisivo Romero che su un colpo di testa di Borghese si era dimostrato davvero portiere di categoria superiore. Prima della fine della frazione Volta esce per un guaio muscolare ed al suo posto entra Rossini. Nei secondi quarantacinque minuti i ragazzi dell'ex genoano Vincenzo Torrente alzano il baricentro del gioco, schiacciando la Sampdoria nella propria area di rigore, realizzando il gol del meritato pareggio con un altro ex rossoblù. Il difensore Martino Borghese, il migliore in campo, da azione di calcio di punizione segna a porta vuota. Reazione dei blucerchiati che cercano di sfruttare al meglio la superiorità numerica senza però riuscirci, nonostante il tentativo di Rispoli che esalta i riflessi del portiere locale Lamanna.
ROMERO 6.5: Ancora una volta dimostra di essere un numero di uno sicura affidabilità. Superlativo l'intervento sul colpo di testa di Borghese nella prima frazione. Regala sicurezza a tutto il reparto.
RISPOLI 6: Meno propositivo del solito, e più attento in difesa. Nel finale per poco non riesce a segnare la rete della vittoria.
VOLTA 7: Esce per un guaio muscolare poco prima della fine del primo tempo. Fino a quel momento attento in difesa, ma soprattutto decisivo in area di rigore con la rete di testa. Da vero condor. (Dal 43' p.t. ROSSINI 5: Soffre il difensore Borghese nelle palle da fermo ed anche in occasione del pareggio si fa trovare impreparato).
ACCARDI 6: Gioca da centrale difensivo e grazie alla sua esperienza è quello del reparto difensivo che soffre di meno la rabbiosa reazione dei pugliesi
CASTELLINI 6: Media tra il 7 del primo tempo, e non solo per il preciso traversone in occasione del vantaggio di Volta, ed il 5 del secondo tempo dove in occasione del pareggio di Borghese si fa bruciare da un avversario.
PALOMBO 5.5: E pensare che il capitano inizia molto bene dimostrando di essere in palla. Poi però crolla clamorosamente fino quasi a scomparire per una buona mezz'ora.
DESSENA 5: Arrugginito. Basterebbe questo aggettivo per descrivere la sua prestazione davvero sotto tono. Forse è l'unico che può campare qualche scusa.
BENTIVOGLIO 5.5: A centrocampo patisce il dinamismo di Donati che lo sovrasta. Uno dei migliori nella ripresa, ma non basta per guadagnare la sufficienza. Può e deve dare di più, soprattutto dal punto di vista qualitativo.
FOGGIA 7: Il migliore. Finché lo sorregge la condizione fisica si carica la squadra sulle spalle con traversoni, conclusioni e precisi lanci per i compagni. Merita il gol su punizione, ma la traversa dice di no.
BERTANI 5: Continua il momento negativo per l'ex punta del Novara. Il lavoro sporco non manca, ma dobbiamo ripeterci. Un attaccante deve almeno tirare qualche volta in porta e lui non ci riesce quasi mai. (Dal 37' s.t. MACCARONE sv)
POZZI 6: Come già evidenziato in altre partite, si fa sempre trovare sempre al posto giusto al momento giusto. Però non riesce a segnare. L'impegno comunque non manca in attesa di momenti più fortunati. Prezioso. (Dal 25' s.t. PIOVACCARI 5: Chi l'ha visto. Se continua così a gennaio è probabile un suo addio).
IACHINI 6: Sapeva, e l'aveva detto che non sarebbe stato facile. Forse dopo il vantaggio, anche numerico, credeva di avercela fatta. Ed invece, nonostante la squadra lotti a sua immagine e somiglianza, ha capito che deve lavorare parecchio per correggere gli errori.
VELOTTO 5: Giusto il rosso per Kopunek, sebbene non fischi un rigore che c'era a Pozzi. E che avrebbe potuto cambiare la storia della partita.