«Samp, lavoriamo con le idee chiare»

«Non è stato fissato un budget sul mercato» ma Edoardo Garrone ha imposto alla nuova Sampdoria «una griglia di regole entro cui muoversi». Missiroli è l'unico vero obiettivo tra i trequartisti, molto vicini gli arrivi di Piovaccari, Bertani e forse pure di Cacia. «Ma aspettiamo il momento giusto, anche per le operazioni in uscita». Pasquale Sensibile, neo d.s. blucerchiato, sta lavorando molto, in questi giorni, alla rifondazione della Samp, dopo la retrocessione in B.
Direttore Sensibile, come va?
«Non ci si annoia, ma lo sapevo. Tutto sarebbe potuto succedere in quest'estate, ma certo non sarebbe stata noiosa»
Edoardo Garrone ha promosso i primi giorni di lavoro del suo staff.
«Parole che hanno fatto piacere a me e ai miei collaboratori. Ma che ci servono solo come stimolo, mica ci sentiamo appagati».
Ha già riscontrato qualche difficoltà?
«Nessuna in particolare, se non la grande mole di lavoro perché abbiamo un organico molto numeroso. Ma attenzione: i giocatori della Sampdoria non si offrono, perché sono giocatori forti e chi è interessato deve presentare offerte serie».
Edoardo Garrone dice che la sua Samp ha «le spalle coperte».
«Parole giuste. Dobbiamo portare pazienza, rispettare i tempi fisiologici del mercato. Senza vendere in fretta, senza svendere. E abbiamo le idee chiare».
Atzori ha chiesto un trequartista: Russotto, Fabbrini e Pasquato sono piste concrete?
«Sono giocatori molto forti, ma in questo momento non abbiamo fatto pensieri su di loro».
Missiroli della Reggina, invece, pare un obiettivo caldo.
«Confermo. Un giocatore su cui, se dovessero esserci dei presupposti, siamo pronti a fare passi avanti».
Garrone le ha dato un budget preciso sul mercato?
«Nessuna cifra, davvero. Nessun budget. Ma mi ha dato regole di buon senso, una griglia di regole all'interno del quale possiamo muoverci».
Lucchini (Atalanta) e Gastaldello (Werder Brema) in partenza?
«Abbiamo in mente un'identità tattica e un potenziale organico. Dobbiamo capire senza fretta cosa succede».
Di certo si ripartirà da Palombo.
«Ci siamo incontrati con Angelo e il suo procuratore. È una situazione chiusa. Angelo Palombo è il capitano della Sampdoria».
La Samp punterà soprattutto sui giocatori di categoria, come Piovaccari, bomber del Cittadella.
«Beh, anche perché dobbiamo fare la B. Ma si tratta di giocatori che in questa stagione hanno dimostrato di valere la serie superiore. Se un attaccante fa 23 gol in B, risulta utile anche in A».