Samp Mazzarri: «Cassano? Non c’entro»

«A me sembra di sognare. È una storia talmente assurda che non sta in cielo né in terra. Con Lippi ho un buon rapporto ma sarebbe assurdo che un allenatore di nazionale chiedesse ad un tecnico di club consigli sulla formazione. E poi, anche se fosse, io di Cassano non potrei che parlarne bene». Così il tecnico del Napoli Walter Mazzarri ha risposto alla domanda dei giornalisti che gli chiedevano se fosse vero il «gossip» secondo il quale sarebbe stato lui a sconsigliare il talento di Bari vecchia a Lippi. «Cassano - ha ripreso l’allenatore - è stato due anni con me, due anni durante i quali è tornato il giocatore di livello internazionale cui tutti conosciamo. Gli sono grato per quello che ha dato a me e alla Sampdoria quando c’ero io ad allenarla. Quindi, se dovessero chiedermi un parere sarebbe positivo. E se proprio Lippi dovesse chiedere informazioni su Cassano chiamerebbe Del Neri che da cinque mesi allena i blucerchiati e non me e questo fa capire come questa chiacchiera sia priva di fondamento».
Sulla panchina della Samp c’è infatti Gigi Del Neri, che dell’attuale momento dei suoi dice: «Non siamo né esaltati né depressi». E su Cassano passa e chiude: «Antonio è un ragazzo espansivo. Il suo è stato uno sfogo normale. Io però voglio parlare di squadra, la Sampdoria non è solo Cassano, anche se è un giocatore importante, così come l’Inter non è solo Eto’o».