Samp-Napoli, lo scudetto di oggi è un passaporto per l’Europa

Negli anni '80 era una partita che valeva un pezzo di scudetto, oggi una gara tra due squadre che divertono e puntano ad un traguardo europeo. Altri tempi, è vero, quando si arrivava al Ferraris anche tre ore prima per vedere Maradona, ma Sampdoria- Napoli rimane una sfida suggestiva e tutta da seguire.
I blucerchiati saranno senza Volpi, Montella e Sammarco. Coperta corta per Mazzarri che riproporrà dal primo minuto Delvecchio non abbandonando il 3-5-2 con cui la Samp sembra aver trovato la quadra per esprimere il gioco migliore. Davanti a Castellazzi ci saranno Campagnaro, Gastaldello e Accardi. Dovrebbe toccare a quest'ultimo la marcatura dell'argentino Lavezzi mentre per Zalayeta è pronto il «gigante» Campagnaro. Lucchini, nonostante il recupero andrà in panchina. A centrocampo, dove si contano le assenze più pesanti, a rimpiazzare Volpi sarà dirottato Palombo, mentre al posto dell'Angelo blucerchiato giocherà Franceschini. Dietro alle punte Delvecchio, mentre in attacco ci sarà la fantasia del ticket Bellucci-Cassano. Nel Napoli si contano le assenze dell'ex doriano Domizzi e di Cupi in difesa, a marcare Cassano ci penserà Santacroce, mentre si vedranno dal primo minuto per i partenopei i neoacquisti Mannini e Pazienza. Anche oggi il «progetto Liguria» prevede la presenza allo stadio di un nutrito numero di bambini della scuole calcio affiliate alla Sampdoria, i tesserati della Arquatese e del Molassana saranno ospitati nei distinti.