Samp, Olivera fa le valigie e se ne torna in casa Juventus

Anche col Siena l’uruguayano evanescente e spaesato Mercato: a gennaio nel mirino Padalino e Bovo

Paola Balsomini

Quella di domenica contro il Siena è stata l'ultima gara di Ruben Olivera con la maglia della Sampdoria. I soliti evanescenti quarantacinque minuti che hanno obbligato Walter Novellino a stravolgere completamente i piani: il 4-4-2 infatti non funzionava, complice anche una brutta prestazione di Franceschini e il tecnico blucerchiato è stato costretto a ridimensionare Quagliarella, obbligato a giocare nella posizione di esterno destro. Risultato: buon gioco dell'attaccante nei primi cinque minuti, con una delle poche occasioni da gol per la Sampdoria, e poi i restanti quaranta da dimenticare.
Del resto l'attacco ieri non ha particolarmente brillato ma nel primo tempo la Sampdoria, con Olivera sempre più spaesato, si è trovata a giocare praticamente in dieci. Comunque per l'uruguayano questo è stato l'ultimo spezzone di match con la maglia blucerchiata: definitivamente bocciato dal tecnico anche la società ha deciso di metterlo sul mercato, con la speranza di trovare una squadra, anche in serie B disposta ad accoglierlo.
A fine anno comunque Olivera tornerà alla Juventus ma alla squadra di Novellino, per finire degnamente la stagione, manca almeno un esterno in grado di fare la differenza. Per il momento, e in attesa di un rinforzo, Novellino proverà in quella posizione ancora Christian Maggio, completamente fuori ruolo ma almeno con maggiore senso tattico, anche se con meno forza fisica rispetto ad Olivera.
Per gli arrivi bisognerà attendere la fine dell'anno anche se i nomi non sono certo da salto di qualità: se qualcuno infatti spera di vedere a Genova Marco Marchionni si può mettere definitivamente il cuore in pace. Per arrivare al centrocampista della Juventus infatti c'è solo una possibilità e comunque poco realizzabile, quella di cedere l'altra metà del cartellino del giovane Foti, particolarmente seguito dalla società bianconera che ha deciso di puntare sulla linea verde.
Chi, invece, potrebbe vestire la maglia blucerchiata, e in questo caso le quotazioni sono decisamente in rialzo, è Marco Padalino, 23 anni. La trattativa è possibile anche se il Piacenza sta cercando di trattenerlo, vista la posizione di classifica e le ambizioni della squadra biancorossa. Per quanto riguarda il reparto arretrato, la Sampdoria vorrebbe arrivare a Cesare Bovo, difensore, altro giovane (23 anni). Il giocatore in realtà è particolarmente appetito anche da altri club di serie A ma il Palermo potrebbe avere anche una sorta di debito nei confronti del club di Corte Lambruschini, visto che l'arrivo di Terlizzi non ha dato i risultati sperati, con il centrale che, infortunato, ha potuto giocare per intero soltanto due match: «Seguiamo le opportunità del mercato - ha detto l'amministratore delegato Beppe Marotta - stando però attenti a quelle che sono le esigenze di bilancio». Alla fine però la Samp con il patron rosanero Maurizio Zamparini potrebbe avere una corsia preferenziale per arrivare al giocatore.
E alla fine tra bocciati e squalificati domenica a Reggio Calabria (la squadra amaranto è in attesa dello sconto di penalizzazione) Novellino si troverà a fare i conti con l'ennesima rivoluzione. Sala e Falcone infatti saranno fermati oggi dal giudice sportivo e l'unica soluzione al momento è quella di arretrare Palombo con Accardi al centro della difesa e Pieri a sinistra. Maggio a centrocampo con Franceschini e al centro Volpi e Delvecchio. Come dire, si pensa già al turn over, forzato, visto che il mercoledì successivo sarà la volta del Livorno e poi sabato ci sarà il Catania.