Samp, un pari che serve solo a restare a galla

I cambiamenti tattici di Atzori non permettono alla Sampdoria che di tornare dal «Bentegodi» con un pareggio per 1-1. Blucerchiati in emergenza e in cerca di riscatto dopo la sconfitta interna contro il Torino. Atzori deve fare a meno di Romero, Koman, Palombo, Costa e Accardi e applica un robusto turn over. Rientro dal primo minuto, invece, per Gastaldello e Pozzi, mentre Dessena vince il ballottaggio con Obiang e fa coppia al centro del campo con Bentivoglio. I blucerchiati entrano subito bene in partita affacciandosi più volte nella metà campo avversaria, trovando il gol del vantaggio con Pozzi dal dischetto dopo appena un quarto d'ora. Dalla mezzora, però, la formazione di Atzori subisce il ritorno dei padroni di casa, che trovano il pareggio con Gomez e chiudono in attacco il primo tempo. Non cambia la musica al ritorno dagli spogliatoi, con i blucerchiati non riescono a reagire al dominio veronese. Solo l'ingresso di forze fresche aiuta a far rifiatare una Sampdoria abulica e affannata. Un sussulto solo al 29': Laczko, appena entrato al posto di Semioli, crossa per Bertani che di sinistro va vicino al gol. Al 35' ultimo cambio Samp: Soriano per Dessena. Non succede però più nulla e una brutta Samp esce solo con un «brodino» dal Bentegodi.
DA COSTA, voto: 6,5. Non può nulla sull'insidiosa traiettoria che la testa di Gomez imprime al pallone. Salva più volte la sua porta e permette alla Samp di mantenere il pareggio. Non fa rimpiangere il titolare Romero.
RISPOLI, voto: 6,5. Buon esordio per il difensore classe '88. Preciso e puntuale in fase di copertura, nel primo tempo, regala anche qualche emozione nella metà campo avversaria. Nella ripresa tiene a galla i suoi spazzando via i pericoli dalla destra
GASTALDELLO, voto: 6. Rientra da capitano e si riconferma solito leader della retroguardia blucerchiata. Non ancora al top della condizione, aggiusta col mestiere dove non arriva con la corsa.
VOLTA, voto: 5. Serata decisamente no del numero 6 doriano che prima si fa ammonire per fallo su Gomez, e poi perde la marcatura sul sudamericano in occasione del gol. Non riesce a dare una svolta alla sua prestazione neanche nella seconda frazione.
CASTELLINI, voto: 5,5. Patisce le incursioni di Abbate e Russo e aiuta poco Semioli in fase offensiva.
PADALINO, voto: 5. Vivace nei primi minuti si spegne dopo il gol dal dischetto di Pozzi. Nella ripresa sparisce dal campo.
BENTIVOGLIO, voto: 5,5. Prova a non far sentire l'assenza del capitano con scarsi risultati. Poco propositivo non gli riesce di prendere per mano i compagni.
DESSENA, voto: 5,5. Prestazione senza infamia e senza lode quella del centrale blucerchiato. Come il compagno di reparto stenta ad imporsi sulla linea mediana «Scaligera». Dall'80' SORIANO: S.V.
SEMIOLI, voto 6,5. Uno dei più positivi della Samp. Salta spesso l'uomo e crea non pochi pericoli alla retrovia gialloblù. E' proprio da una sua galoppata che nasce. Dal 71' LACZKO, voto: 6. Prova a dare vivacità all'attacco. Ha forza fresche da spendere, ma non lascia il segno.
POZZI, voto: 6. Pochi palloni giocabili per lui, ma si fa trovare pronto dal dischetto regalando ai suoi il vantaggio. Dal 65' PIOVACCARI, voto: 6. Dopo appena otto minuti dal suo ingresso sfiora il gol con un tiro che sfiora il palo e poco dopo viene pescato in fuorigioco di un soffio: sfortunato.
BERTANI, voto: 6. Con le sue finezze e la sua tecnica tenta di accendere la luce dell'attacco blucerchiato. Come Pozzi, poco assistito dai compagni di squadra.
Allenatore ATZORI, voto: 5,5. Giusto fare il turn-over quando si gioca ogni tre giorni, ma dovrebbe trasmettere più cattiveria agonistica ai suoi ragazzi. Azzecca i cambi, che quantomeno, fanno respirare la difesa.