La Samp punta Terlizzi per fare muro in difesa

Al fianco di Falcone sarebbe una bella garanzia per Castellazzi L’alternativa: Rea

Emmanuele Gerboni

Idea Christian Terlizzi, volete sapere la novità? Quella scintilla di inizio calcio mercato non si è mai spenta, solo una pausa di riflessione per dedicarsi ad altre operazioni.
È lui il muro quattro per quattro da piazzare davanti a Luca Castellazzi, non è una trattativa collegata alla cessione di Aimo Diana al Palermo. Che sta cercando a tutti i costi l’esterno del Chievo Semioli: se l’affare dovesse saltare, i siciliani chiuderebbero un secondo dopo con i blucerchiati per Diana. L’intesa tra le due società è già stata definita. La Samp preparerà l’affondo tra qualche giorno, le basi per la trattativa sono queste: comproprietà, anche i siciliani sarebbero d’accordo. Terlizzi e Falcone, le chiavi della difesa in tasca. Più di una garanzia per la retroguardia blucerchiata che avrebbe chiuso virtualmente il suo mercato.
Parliamo della formazione titolare, il quadro sarebbe completo. La prossima settimana servirà soprattutto per risolvere la questione, appena concluso l’acquisto del difensore la Samp potrà dedicarsi ai movimenti minori. C’è anche un’alternativa a Terlizzi che rimane, comunque, il primo nome sulla lista, si chiama Angelo Rea, centrale difensivo del Cesena. Un’opzione esclude l’altra, perché il reparto può contare già su Luigi Sala e Morris Carrozzieri. Le caratteristiche del giocatore romagnolo sono perfette, fisico possente e grande grinta. Il Cesena è disposto a cederlo, i rapporti con la Samp sono buoni. Sarebbe la strada più semplice per i blucerchiati, che, però, non vuole abbandonare la pista che porta a Terlizzi.
Le altre operazioni in ballo portano ad Udine, bisogna definire la trattativa (piuttosto ampia) con i friulani. Che vorrebbero girare Fausto Rossini in Liguria al posto di Fabio Quagliarella. La Samp ha detto no, l’obiettivo numero uno resta sempre l’ex attaccante dell’Ascoli. E si chiuderebbe il cerchio, cinque attaccanti che farebbero la felicità di tanti allenatori.
Questo è il panorama del mercato il giorno dopo. Ed è come uscire dalla prima di un cortometraggio slovacco (che magari piacerà pure) e finire direttamente davanti al teleschermo dove va in onda il film di Natale. Cambia tutto. Idee, prospettive, pensieri. Lo sguardo è quello dei giorni belli.
La storia della Samp è questa, con la speranza di averla finita qui senza ulteriori allegati. Di certo, i blucerchiati possono progettare gli ultimi colpi di mercato con tranquillità. E la certezza che la classifica post calciopoli potrebbe far venire pure qualche rimpianto. Perché adesso vedi la graduatoria e scopri che il biglietto di sola andata per la Coppa Uefa potrebbe prenderselo anche l’Empoli che staccò la Samp di quattro punti.
Proprio così, la rivoluzione significherà soprattutto una nuova classifica, e la squadra blucerchiata avrebbe potuto approfittarne se non avesse chiuso con un filotto negativo. Piccoli rimpianti pensando che il prossimo anno potrebbe essere una serie A tutta nuova. Con diversi concorrenti che rimarranno a guardare in un'altra categoria.