Samp, la salvezza passa per la vecchia guardia

Emmanuele Gerboni

Walter Novellino si affida alla linea verde. Nessun stravolgimento negli schemi, né nell'undici di base, ma sui ritocchi da applicare in vista della delicata sfida di domenica contro il Cagliari, il tecnico blucerchiato le sue scelte sembra averle già fatte.
Nessun dubbio, quindi, sull'impiego dal primo minuto di Corrado Colombo e Gionata Mingozzi. All'attaccante sampdoriano il tecnico chiederà gli straordinari: l'infiammazione alla caviglia continua a costringere la punta blucerchiata ad allenarsi a giorni alterni ma il suo impiego è fuori discussione: Novellino ha già ricordato come sia fondamentale il suo ruolo nel gioco della squadra. Troppo importante una torre che giochi in appoggio dell'altro attaccante. Il vero nome nuovo domenica, sarà quello di Gionata Mingozzi, centrocampista in erba che il tecnico vuole chiamare a «responsabilità importanti» come ha detto lui stesso. E nessun incarico più importante poteva essere chiesto a Mingozzi, classe 1984 e nessuna partita all'attivo in campionato, che quella di sostituire Sergio Volpi, capitano e autentica garanzia nel gioco. Nonostante non lo abbia mai proposto in campo, le sue capacità sono sempre state tenute in considerazione dal tecnico che a gennaio, quando il giocatore blucerchiato aveva richieste dalla serie B, ha preferito tenerlo in squadra.
Altra pedina che Novellino potrebbe far giocare dal primo minuto, complice l’infortunio che sta colpendo Aimo Diana, è Andrea Gasbarroni. Per l'esterno problemi ieri in allenamento, dopo una botta al polpaccio rimediata durante la seduta mattutina, con il giocatore che nel pomeriggio ha lavorato a parte. Sta bene invece Giulio Falcone, dopo la botta alla testa rimediata nella gara contro la Lazio. Lui ci sarà, perchè Novellino vuole puntare su un giusto mix di giovani e vecchi. Tutti in salute,anche gli altri uomini del tecnico. La squadra ieri, al mattino ha lavorato a lungo sul campo svolgendo esercitazioni atletiche e tecnico-tattiche. Nel pomeriggio il tecnico ha guidato i giocatori in una fase molto intensa di tattica, quindi partitella.