La Samp si affida alla squadra-emergenze

«A Cagliari voglio vedere una squadra tosta, che combatte, deve metterci l'anima e darmi una risposta sul campo». Walter Mazzarri oggi affronterà una delle due partite che possono fare da spartiacque alla stagione della Sampdoria. Questo pomeriggio la bestia nera rossoblù, che si porta dietro una tradizione infausta visto che i blucerchiati non vincono in Sardegna da 12 anni (in serie A), l'altra sarà lo scontro di sabato al Ferraris contro l'Empoli. Così dopo le parole di Beppe Marotta adesso il tecnico deve ritrovare la sua squadra, quella smarrita dopo la vittoria con il Parma. E si affiderà a Caracciolo in attacco, al posto di Montella, che ha giocato le ultime due partite contro Catania e Milan ma che è apparso decisamente fuori condizione: «Farò la conta degli infortunati e deciderò - sorride amaro -. Quel che è certo è che metterò in campo una squadra unita, esperta, undici giocatori che abbiano già passato in carriera momenti difficili e sappiano come uscirne. Perché è inevitabile, prima o poi capita a chiunque: l'unico modo per tirarsene fuori è rimanere uniti e lavorare».
Carattere e aggressività, insomma, oltre ad un pizzico d'esperienza, a cominciare da quella di capitan Volpi. «Questi ragazzi - aggiunge Mazzarri - il carattere ce l'hanno e me lo hanno dimostrato fin dal primo giorno di ritiro. Quello che manca è l'aggressività, ed è una cosa diversa: io a Cagliari voglio vedere il pallone scoppiare, nei contrasti». In una situazione così una batosta così pesante come il 5-0 con il Milan potrebbe rivelarsi addirittura taumaturgica: «Sono passati pochi giorni da quella sconfitta - spiega Mazzarri - e tempo per stare in campo ce n'è stato poco. Però non siamo stati a guardare, abbiamo lavorato intensamente sulla testa perché è lì che nascono i problemi. Quel che mi conforta è vedere che lo spogliatoio è unito e i valori non mancano. Quando passerà l'emergenza tornerò a vedere la squadra che ho in testa».
L'emergenza però ci sarà anche oggi: mancherà, oltre Accardi e lo squalificato Campagnaro, anche Lucchini. Zenoni arretra in difesa, con Sala e Gastaldello, mentre a centrocampo con Volpi ci sarà Franceschini, pronto a subentrare a Palombo, fermato dal giudice sportivo. Davanti, Sammarco a destra, Bellucci a sinistra e Caracciolo prima punta. Mazzarri però sta pensando anche a un centrocampo a cinque con Sammarco in mezzo.
Sampdoria (3-4-2-1):1 Castellazzi, 77 Zenoni, 14 Sala, 26 Gastaldello, 7 Maggio, 4 Volpi, 19 Franceschini, 46 Pieri, 21 Sammarco, 11 Bellucci, 29 Caracciolo. All.Mazzarri