Samp Stasera posticipo a Parma. Cassano «insubordinato»

Nella giornata della richiesta ufficiale alla Lega Calcio della Sampdoria di rescissione del contratto di Antonio Cassano per «insubordinazione, aperta contestazione delle direttive aziendali ed eccesso di critica», Mimmo Di Carlo chiede un'inversione di rotta questa sera a Parma (Zauri ha problemi ad una caviglia e Koman l'influenza). In campo in attacco ci sarà Pozzi ad affiancare Pazzini mentre se Zauri non ce la dovesse fare è pronto Cacciatore.
La Samp al Tardini andrà in cerca soprattutto di continuità: «Ora servono conferme - spiega l’allenatore -. A Parma mi aspetto risposte positive oltre a qualche gol in più. Sarà fondamentale lo spirito di squadra e, magari, la giocata risolutiva dei singoli».
E a proposito di giocate, nel ricorso sul caso Cassano si parla di «grave infrazione alla disciplina ed al regolare svolgimento del lavoro», ma anche «ingiurie e minacce» nei confronti dei superiori: «La gravità dell'episodio costringe la Società a richiedere la più grave delle sanzioni (la rescissione del contratto, ndr) che, purtroppo, comporta anche la perdita dell'opportunità di ricavare eventuale corrispettivi dalla cessione del contratto sportivo del calciatore che scadrà nel 2013. Ma è evidente che è in gioco la credibilità dell'intero staff dirigenziale della Società». Nel ricorso, la Sampdoria ha anche designato il proprio arbitro, l'avvocato Fabio Fazzo. I compagni, intanto, starebbero anche tentando di portare a termine un lavoro di mediazione tra il club e il giocatore, che evidentemente non manca solo a molti tifosi.