Sampdoria, a Belgrado l’ora del riscatto

Il giorno del riscatto, dopo un avvio di campionato tutto in salita, è finalmente arrivato: questa sera la Sampdoria affronterà la prima gara del gironcino di Coppa Uefa: di fronte il Partizan Belgrado e Walter Mazzarri ha l'intenzione di non lasciare nulla di intentato. Così ieri è stato sciolto anche l'ultimo dubbio: Antonio Cassano con ogni probabilità sarà in campo dal primo minuto al fianco di Emiliano Bonazzoli. Samp a due punte vere, quindi, con Delvecchio che, sempre impiegato negli ultimi match, potrebbe o giocare a centrocampo o addirittura riposare. Chi certamente ci sarà è Daniele Dessena, inserito nel mini turn over scelto dall'allenatore toscano. E proprio Dessena ieri ha voluto puntualizzare: «Mi hanno fatto sorridere le voci che parlavano di un disaccordo tra me e Mazzarri. Non c'è nulla di vero, qui alla Samp sto benissimo e questo allenatore mi sta insegnando molto».
Tornando alla partita di questa sera, l'allenatore toscano è cauto ma sogna comunque il colpaccio: «Non voglio fare calcoli - ha detto Mazzarri ieri prima dell'allenamento - siamo una squadra che sa giocare al calcio e che contro il Partizan può dare il massimo. Forse quest'anno non abbiamo ancora capito quanto è il nostro massimo ma sono fiducioso, so che possiamo fare bene e non ci accontentiamo mai. Qualche cambiamento ci sarà ma so che chi entrerà farà bene. Cassano? Vedremo, non voglio anticipare niente per non dare vantaggi agli avversari».
Ad accompagnare la squadra anche l'amministratore delegato Beppe Marotta che ha smentito il suo passaggio alla Juventus: «Il mercato della mia categoria è decisamente più ristretto rispetto a quello dei giocatori e a volte è normale che alcuni nomi vengano accostati ai club ma a Genova ho fatto una scelta di vita, qui sto bene e la Sampdoria è l'unica società in Italia che delega ad un manager pieni poteri e in questo so di essere molto privilegiato».
Tra le due squadre non esistono precedenti in Europa. I serbi ospitano per la quinta volta un'italiana: finora sono riusciti a vincere solo una volta (4-2 contro la Roma nel secondo turno di Uefa 1998-99, ma si qualificarono i giallorossi). La Samp torna a giocare a Belgrado dopo 16 anni. Nella fase a gironi della Champions 1991-92, i blucerchiati si imposero 3-1 sulla Stella Rossa dopo avere vinto 2-0 anche il match d`andata disputato a Marassi.
Sampdoria (3-5-2): 1 Castellazzi; 6 Lucchini, 5 Accardi, 14 Bottinelli; 23 Stankevicius, 88 Dessena, 19 Franceschini, 40 Delvecchio, 3 Ziegler; 99 Cassano, 18 Bonazzoli. In panchina:83 Mirante, 28 Gastaldello, 20 Padalino, 46 Pieri, 21 Sammarco, 11 Bellucci, 9 Fornaroli. All. Mazzarri.