Sampdoria in emergenza, Palombo finisce in difesa

Emmanuele Gerboni

La novità? Walter Novellino deve trasformare la necessità in virtù. E così Angelo Palombo giocherà, oggi pomeriggio, in quel di Messina al fianco di Marcello Castellini. Tutto è nato dallo stop di Simone Pavan (affaticamento ai flessori della gamba destra), che costringerà il tecnico doriano a cambiare, e pure tanto, in diverse zone del campo. Infatti, salterà l’appuntamento di Messina anche Lamberto Zauli, fermato da un problema al piede. In questo caso, rientrerà dal primo minuto Francesco Flachi. Fuori Max Tonetto, ma si sapeva, ancora un’occasione per Andrea Gasbarroni, l’uomo che ha spedito a casa i portoghesi del Vitoria Setubal. Il tutto condito da una manciata di baby blucerchiati (il difensore Luca Calzolaio ma anche i centrocampisti Paolo Castellazzi e Danilo Soddimo) che andranno a farcire una rosa che si presenta con tanti cerotti. Mentre Giulio Falcone è quasi pronto al rientro e ieri ha fatto un test con la Primavera di Attilio Lombardo, impegnata a Modena. Mentre la Samp sabato prossimo giocherà un'amichevole in trasferta proprio per verificare le condizioni di Falcone. Riassunto finale, la situazione non è proprio bella ma Novellino pensa, comunque, positivo: «Siamo in emergenza, ma quelli che scenderanno in campo non faranno sicuramente rimpiangere gli assenti. Palombo in difesa? È un giocatore molto duttile che qualunque allenatore vorrebbe avere. Si tratta di un esperimento che potrebbe essere utile anche in prospettiva futura».
Poi, c’è anche il ritorno di Francesco Flachi, partito dalla panchina con il Vitoria Setubal. Rientra dalla porta principale per l’assenza di Zauli, Novellino scommette su di lui: «Sta attraversando un momento particolare, gli sono stato vicino, deve giocare con continuità per ritrovarsi al massimo», continua Novellino che aspetta la sosta come una liberazione. Dopo il ciclo terribile di queste ultime tre settimane dove la Samp ha giocato e speso tantissimo: «Chiedo alla squadra un ultimo sforzo, c’è ancora questo impegno con il Messina, poi ci saranno due settimane per recuperare le energie. Ma vogliamo chiudere bene questo ciclo terribile e regalare una gioia al presidente Garrone che ha sofferto tanto con il Vitoria Setubal...».