Sampdoria, Flachi si tuffa nel passato aspettando Vieri

Emmanuele Gerboni

Dietro Calciopoli c’è pure la telefonata di qualcuno che dovrebbe dire a chi sapeva già. Un bel derby con arbitro preconfezionato, Galati (impiegato della Figc) che chiama Bazzoli (arbitro della Figc) e l’altro che risponde: grazie, ma sapevo già tutto. «Con tutto quello che è successo in questi ultimi anni, mi sarei stupito del contrario...». Parole di Enrico Mantovani che prova a farsi una risata, era lui il presidente di quella Samp che sfiorò la promozione in serie A. Calciopoli, capita anche questo. Sette anni dopo.
Spostiamoci dall’altra parte del fiume, ecco il presente blucerchiato. Sessant’anni e non sentirli, otto anni da blucerchiato e non li sente nemmeno lui perché gli occhi sono quelli frizzanti del primo giorno di scuola. La mostra della Samp, in mostra Francesco Flachi che vede e vorrebbe provvedere molto presto: «E’ sicuramente un momento importante questa festa, speriamo che anche il prossimo anno sia da ricordare. Chi ha vestito questa maglia ha sempre dato un contributo, sono a Genova da otto anni ».
Un viaggio nella Samp che è stata, quella che sarà la racconta Flachi in anteprima. Provate ad indovinare da dove parte? Ovviamente da lì, gli ultimi sedici metri sono casa sua. Il modulo più gustoso sarebbe questo, loro cinque contro tutti. Scommettiamo che vincerebbero sempre? «Siamo pronti per questa stagione, speriamo di fare un bel campionato, la campagna acquisti? Certo, la società sta mantenendo le promesse. Se saranno confermate le voci di queste settimane, sarebbe davvero un attacco stellare, anche se la cosa che conta di più è il risultato da parte della squadra».
Questo è il quadro generale, poi c’è una pennellata in più dedicata proprio a Bobo Vieri. Si sono sentiti al telefono, l’ex attaccante del monaco non vede l’ora di prendere a calci quel pallone blucerchiato. Un bel giorno Flachi lo disse forte e chiaro, ma lo sapete che in casa Vieri c’è un gagliardetto blucerchiato? «Non lo scopriamo certo ora che Bobo è un tifoso della Samp, sarà una grande soddisfazione giocare accanto ad un campione come lui. Ci siamo parlati, è molto motivato, ha tanta voglia di fare bene. Lui è rimasto folgorato due stagioni fa quando l’Inter venne a Genova per disputare un match contro di noi, fu colpito dalla tifoseria e mi disse: un giorno anch’io giocherò davanti a questi tifosi». È arrivato quel giorno. Un po’ a sorpresa, quando sembrava, dopo lo scorso gennaio, che Vieri e la Samp fosse una storia un po’ di così. Del tipo, vorremmo tutti e due ma non si può. Invece, è finita con il lieto fine, ecco una bella storia d’amore. E sarà un bel vedere questa Samp che cambierà modulo, due punte più un trequartista che mette un pizzico di zucchero all’ultimo passaggio. E potrebbe essere proprio Flachi il prescelto. Otto anni dopo, va bene anche così. Mister rovesciata, che prende la bacchetta tipo Harry Potter e fa la magia. Ohhh, Bonazzoli e Vieri che aspettano quel soffio di fantasia. Flachi accetta la nuova investitura e dice presente, nessun problema: «Assolutamente, vedremo cosa deciderà il mister. Sono disposto a tutto, mi adeguo a qualunque soluzione, l’importante è giocare. Bisogna anche sacrificarsi». Questa la Samp, pensieri e parole made Francesco Flachi che si godrà gli ultimi giorni di ferie. Che scivoleranno via veloci, veloci.
Presto, si ricomincia. I tifosi non vogliono fermarsi, ieri si è chiusa la prelazione per il rinnovo degli abbonamenti in gradinata sud. Oggi i dati ufficiali, ieri sera mancavano poche centinaia di tessere. La Samp ha fatto quasi il pieno, adesso si riprenderà con gli altri settori. L’obiettivo è quello di superare la cifra dello scorso anno, fare più di ventimila abbonamenti. L’ultimo sguardo sul calcio mercato, siamo solo ai dettagli sull’arrivo di Christian Maggio, lo ha confermato anche il suo procuratore, l’ex attaccante del Genoa Massimo Briaschi. Ed è questione di pochissimo anche per Quagliarella e Pieri. Per integrare la rosa interessano i due giocatori del Piacenza, Campagnaro e Padalino, mentre la Roma si è definitivamente allontanata da Aimo Diana. Oggi appuntamento con l’Atalanta, si parlerà di Delvecchio e Carrozzieri. La Samp vuole vendere la comproprietà di entrambi.