Sampdoria, portieri nuovi e mille assenti a Empoli

Chi avrebbe mai pensato, a settembre, che Empoli-Sampdoria sarebbe potuta diventare una sfida per l'Uefa? Eppure Gigi Cagni, in stagione di grazia, e Walter Novellino in fondo ci hanno sempre creduto. Soprattutto il tecnico della Sampdoria, dopo un inizio d'anno in salita, si trova ora con una squadra che lotta per l'Uefa e una semifinale di Coppa già in tasca. Così alla fine i 90 minuti di questo pomeriggio allo stadio "Castellani" sono qualcosa di più di un semplice spareggio per l'Europa. La Samp infatti dopo una sconfitta immeritata a Catania e un pareggio altrettanto immeritato contro la Fiorentina cerca di tornare ai tre punti, mentre Cagni spera che il suo ex pupillo Flachi non sia in giornata di grazia. Ad avere i maggiori problemi però è proprio Novellino che con l'Empoli si troverà a dover rinunciare a Giulio Falcone, alle prese con un attacco influenzale. Al suo posto ci sarà Sala, mentre il centrocampo sarà anomalo: manca infatti capitan Volpi e la coppia di centrali sarà composta da Delvecchio e Palombo mentre si torna ad uno schieramento offensivo con Quagliarella a destra, e Flachi-Bazzani davanti. Il trio delle meraviglie. Senza infatti uno dei tre, come ha dimostrato il match contro i viola, non si segna.
E proprio Quagliarella, uomo mercato, ha gli occhi puntati addosso: «Lo so - racconta - sento anche io di essere un osservato speciale ma questo non mi preoccupa, anzi mi lusinga». Del resto è stato proprio l'amministratore delegato Beppe Marotta ad incoronarlo primo erede di Francesco Flachi, anche se il baby bomber smorza i toni: «Per carità - racconta - fa piacere quello che ha detto il direttore ma prima di arrivare ad essere come Flachi devo ancora fare tanta strada. Lui è stato qua 8 anni io nemmeno otto mesi». Comunque Quagliarella per ora c'è e l'obiettivo è uno solo: «Continuare così, dare il massimo. E stare attento anche ad aiutare la squadra perché so benissimo che in questa posizione di centrocampo devo anche guardarmi indietro. Ma che partite che ho fatto giocando da esterno!». Quagliarella sorride, e anche Flachi trotterella per il campo come se la contrattura fosse solo un lontano ricordo. I tre moschettieri ci riprovano: «Ma non sarà facile perché l'Empoli ha una delle difese meno battute del campionato». Poi nella Samp baby ci saranno anche l'americano Ferrari e il piccolo Fiorillo, ripescato dalla Primavera per l'influenza al portiere Di Gennaro. Pure lui, come Zotti, non ha mai giocato in campionato. Fiorillo non sarà come la star inglese Padelli ma per i giovani promettenti Novellino ha sempre posto.